NA: "IL CIBO RACCONTATO" 
 ELENCO COMPLETO 

DATA: 24-02-2014

SEZIONE DI NAPOLI
Parlare di cibo significa parlare della storia delle civiltà, delle identità e delle differenze, così come degli incontri fra culture diverse. Parlare di cibo significa quindi parlare delle persone come individui singoli e come comunità, delle famiglie in cui siamo cresciuti e, soprattutto, delle donne, 'nutrici' per definizione, dal primo vagito del neonato alla cura quotidiana nella preparazione dei pasti. Donne nutrici, quindi, ma allo stesso tempo fulcro e luogo di incontro di saperi legati anche ad antiche pratiche medicamentose, magiche e/o venefiche di cui sono state spesso le principali protagoniste: agli occhi del mondo curatrici ma anche streghe, perseguitate per i loro saperi di cui sono state a volte violentemente espropriate. Parlare di cibo vuol dire inoltre parlare delle tecniche alimentari, di economia e di consumi, di sistemi di globalizzazione, della fame nel mondo e delle multinazionali, delle condotte alimentari così come degli spazi mediatici ad esso dedicati, oggi in continua espansione. Molti sono gli interrogativi che nascono da queste riflessioni. Quali sono le possibili risposte alle politiche delle industrie che regolano il mercato alimentare, speculando e traendo enormi profitti, per poter garantire una migliore distribuzione e qualità del cibo? In che modo le nuove tecnologie possono essere a ciò di supporto? Perché nella nostra società, pur così attratta dalle tematiche legate al cibo e all'alimentazione (come dimostra la notevole quantità di libri, programmi televisivi e spot pubblicitari a ciò dedicati), non esiste mediamente una cultura positiva del cibo? Perché in questa nostra società il cibo si trasforma così spesso in veicolo di valori che poco hanno a che fare con la nutrizione e la valorizzazione del gusto, generando piuttosto un sensibile peggioramento delle nostre abitudini alimentari? Perché le donne, per tradizione legate alla gestione e amministrazione delle risorse alimentari nonché alla loro produzione, vivono così spesso un rapporto conflittuale col cibo? E perché è così difficile che il mestiere di chef venga svolto da una donna? Può una maggiore coscienza critica rispetto al cibo portare ad un’attenzione più ampia ai consumi delle risorse, agli stili di vita, al significato più generale di nutrimento come pratica della cura e dell’ascolto di sé stessi? A partire da queste riflessioni e da questi interrogativi è nata l'idea di dedicare un ciclo di incontri al tema del cibo che si articolerà in tre giornate in ognuna delle quali ci confronteremo su una tematica specifica, con vari interventi, discussioni e confronti, congedandoci, infine, con alcune degustazioni.


 SITO COLLEGATO 
http://www.ateneodelledonne.unina.it/docs/cibo.pdf

 EVENTI RECENTI 
17-06-2019: Corsi di alta formazione (stage)
16-06-2019: The 10th European Summer School on Experimental Nuclear Astrophysics
14-06-2019: EVENTO FINALE DI LAB2GO: un modo per fare rete Scuola-Università e Ricerca - Lavoro
12-06-2019: Lepton Flavor Violation in Partial Compositeness - Luca Vecchi
10-06-2019: Summer School 2019
10-06-2019: Alternanza scuola-lavoro
08-06-2019: Stelle per tutti. Giornata nazionale della divulgazione inclusiva
07-06-2019: Occhi sulla Luna
06-06-2019: Incontro Scuole (Liceo Casiraghi) - Esperimento OCRA
05-06-2019: Bound States of Dark Matter - Juri Smirnov

[Back]

 

 

 

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
tel. +39 066840031 - fax +39 0668307924 - email: presidenza@presid.infn.it

F.M. F.E.