GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  21-06-2003: SI INAUGURA IL 23 LUGLIO VIRGO: L’INNOVATIVO INTERFEROMETRO ITALO-FRANCESE A CACCIA DI ONDE GRAVITAZIONALI 
 ELENCO COMPLETO 
Vista aerea di Virgo
Vista aerea di Virgo

© Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Il 23 Luglio a Cascina, presso Pisa, verr? inaugurato l?interferometro Virgo: l?innovativo rivelatore di onde gravitazionali italofrancese, risultato di oltre dieci anni di collaborazione tra l?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e il Centro Nazionale per le Ricerche Scientifiche (Cnrs) francese. All?inaugurazione interverranno per il nostro Paese il ministro dell?Istruzione Letizia Moratti e, per la Francia, il ministro delegato della Ricerca e delle Nuove Tecnologie Claudie Haigner?. Per i giornalisti sono previste una visita alle strutture scientifiche e la possibilit? di interviste.

L?esistenza delle onde gravitazionali ? uno dei misteri pi? affascinanti della fisica moderna: esse sono state previste dalla teoria della relativit? generale di Albert Einstein, la loro esistenza ? stata dimostrata in modo indiretto (Joseph. H. Taylor e Russell A. Hulse, premiati per questa scoperta con il Nobel nel 1993) ma fino ad oggi non ? mai stato possibile osservarle direttamente.
?Le sfuggenti onde gravitazionali sono perturbazioni della curvatura dello spazio-tempo generate da corpi materiali in movimento accelerato: possono essere considerate analoghe alle onde elettromagnetiche emesse da particelle cariche in movimento accelerato. La difficolt? di captarle ? dovuta al fatto che si tratta di perturbazioni estremamente deboli e, nella migliore delle ipotesi, possiamo sperare di registrare quelle prodotte da fenomeni di portata colossale, come l?esplosione di una supernova, l?interazione fra una stella di neutroni e un buco nero, o ancora la fusione di due stelle di neutroni appartenenti a un sistema binario?, dice Enzo Iarocci, presidente dell?Infn.

?Virgo si propone di rivelare le onde gravitazionali grazie a soluzioni tecnologiche estremamente sofisticate. Il sistema di misura si basa essenzialmente su un fascio laser che viene suddiviso da uno specchio ?divisore di fascio? in due fasci identici perpendicolari tra loro, ognuno dei quali entra in una cavit? ottica (cavit? Fabry-Perot) composta da due specchi, uno vicino e l?altro posto a tre chilometri di distanza. I fasci di luce viaggiano sempre nel vuoto ultraspinto. Ogni fotone dei due fasci subisce in media 50 riflessioni prima di uscire dalla cavit? e ritornare verso lo specchio divisore di fascio. Su questo specchio i fasci vengono ricombinati e un dispositivo misura l?interferenza fra di essi. Se un?onda gravitazionale investe gli specchi delle cavit? Fabry-Perot, la distanza tra gli specchi varia e l?interferenza dei due fasci viene perturbata. Dalla variazione dell?interferenza ? possibile rivelare il segnale prodotto da un?onda gravitazionale?, spiega Adalberto Giazotto, coordinatore scientifico di Virgo. Perch? il sistema funzioni sono anche necessarie avanzatissime apparecchiature meccaniche, le quali permettono un perfetto isolamento dall?ambiente esterno ed evitano perturbazioni che potrebbero mascherare il passaggio dell?onda. Fatte le dovute proporzioni, il grado di precisione necessario per osservare l?esistenza delle onde gravitazionali ? analogo a quello che occorrerebbe per misurare la distanza tra la Terra e il Sole con un errore inferiore al diametro di un atomo, ma a una scala di grandezza miliardi di volte pi? piccola!

?Virgo ? frutto di un progetto nato negli anni ottanta dalle idee e dagli sviluppi pionieristici del gruppo Infn di Pisa in collaborazione con il gruppo del Cnrs allora diretto da Alain Brillet. A questo nucleo originario si sono aggiunti successivamente i gruppi del Cnrs ed In2P3 e dell?Infn di: Lal Orsay, Espci Parigi, Lapp Annecy, Ipn Lione, Infn Napoli, Infn Perugia, Infn Laboratori Nazionali di Frascati, Infn Roma 1 e Infn Firenze-Urbino. L?interferometro ha gi? superato i primi test di funzionamento e nei prossimi mesi verr? verificato il funzionamento di tutti i sistemi che lo compongono. In seguito si passer? alla fase di presa dati. Gli specchi di precisione nanometrica e i sofisticati sistemi elettromeccanici rendono Virgo uno dei pi? sensibili strumenti della rete mondiale che include anche i Ligo americani, l?anglotedesco Geo e il giapponese Tama?, conclude Adalberto Giazotto.

Attualmente il progetto Virgo opera nell?ambito del laboratorio Ego (European Gravitational Observatory), appositamente costituito dall?Infn e dal Cnrs. ?La difficolt? di captare le onde ipotizzate da Einstein dimostra che dobbiamo ancora comprendere molto sulla forza di gravit?, nonostante essa abbia attirato l?attenzione dell?uomo da tempo immemorabile, dato che fra tutte le forze ? quella che manifesta gli effetti pi? evidenti nella vita quotidiana?, dice Filippo Menzinger, direttore di Ego.

L?Italia occupa un posto di primo piano nel campo della ricerca sulle onde gravitazionali e l?Infn dispone, tra tutti i rivelatori esistenti nel mondo, quelli che permettono di esplorare la pi? estesa banda di frequenze di onde gravitazionali. Oltre a Virgo, sono attive da molti anni le due barre ultracriogeniche Nautilus (ai Laboratori Nazionali di Frascati) e Auriga (ai Laboratori Nazionali di Legnaro): questi due rivelatori, tenuti a una temperatura molto vicina allo zero assoluto (-273 gradi centigradi) sono, allo stato attuale delle nostre conoscenze, gli oggetti di grandi dimensioni pi? freddi nell?intero Universo. Questa caratteristica permette alle barre di registrare eventuali deboli segnali provenienti dallo Spazio, risentendo in modo minimo delle perturbazioni dovute all?agitazione termica delle molecole al loro interno.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://www.virgo.infn.it

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana