GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  08-07-2003: INDIVIDUATA UNA NUOVA FORMA DI MATERIA: SI TRATTA DI THETA+, UNA PARTICELLA COSTITUITA DA CINQUE QUARK CERCATA INVANO PER CIRCA TRENT’ANNI 
 ELENCO COMPLETO 
esperimento Aiace
esperimento Aiace

© Copyright Jefferson Lab




I ricercatori l?attendevano da pi? di trent?anni, ma lei era sempre riuscita a sfuggire ad ogni appuntamento. Negli ultimi mesi per? ? stata osservata in laboratori sparsi un po? in tutto il pianeta, dal Giappone, alla Russia, agli Stati Uniti, alla Germania (in questi ultimi tre Paesi in particolare negli esperimenti Diana, Clas ed Hermes, tutti svolti con la partecipazione dell?Infn). Il suo nome ? Theta+: ed ? una particella del tutto inedita, formata da cinque quark, mentre tutte le altre particelle note composte da quark ne contano al massimo tre.

Prima della comparsa di Theta+ tutte le particelle composte da quark osservate fino ad oggi appartenevano alla categoria dei barioni (come i protoni e i neutroni), formati da tre quark, o dei mesoni, costituiti da un quark e da un antiquark (l?antiquark ? una particella di antimateria del tutto identica alla corrispondente particella di materia ma dotata di alcune caratteristiche opposte, come la carica elettrica). La particella Theta+ ? invece formata da cinque quark, in particolare da due quark up, due quark down e un antiquark strange. La sua esistenza non ? esclusa dal Modello Standard, la teoria che oggi descrive con successo le particelle che formano la materia e le loro interazioni: per questa ragione i fisici da tempo si aspettavano di vederla comparire nei loro esperimenti, ma finora tutte le ricerche erano state vane.

Dopo essere a lungo sfuggita alla caccia, l?elusiva particella ha per? lasciato le sue prime tracce lo scorso anno, presso l?esperimento Leps (Laser Electron Photon a Spring 8) in corso ad Osaka, in Giappone. La sua energia ? risultata pari a circa 1,6 volte quella del protone. L?annuncio ha spinto i ricercatori dell?Istituto per la Fisica Teorica e Sperimentale (Itep), a Mosca, ad analizzare nuovamente e alla luce delle nuove informazioni una serie di dati raccolti oltre 10 anni fa dall?esperimento Diana, nel quale sono coinvolti anche fisici dei Laboratori Nazionali di Frascati dell?Infn. Ed ecco la nuova sorpresa: proprio quei dati sembravano confermare il risultato giapponese. Le osservazioni giapponesi e russe potevano per? essere considerate ancora solo indizi, non sufficienti a parlare di una vera scoperta ma tali da creare fermento e curiosit? nella comunit? scientifica.

Per cercare una nuova conferma, a partire da marzo di quest?anno sono stati nuovamente studiati i dati presi nel 1999, al Jefferson Lab, negli Stati Uniti, nell?ambito dell?esperimento Clas, nel quale sono coinvolti ricercatori dell?Infn dei Laboratori Nazionali di Frascati e della sezione di Genova. Come gi? gli esperimenti giapponese e russo, anche Clas non ? focalizzato sulla ricerca del pentaquark, bens? sullo studio di stati instabili di protoni e neutroni. Ma a differenza degli altri ? in grado di mettere in evidenza tutte le particelle prodotte nella collisione, tra le quali il pentaquark. Ancora una volta dall?analisi dei dati emerge l?osservazione di Theta+: un fortunato effetto collaterale inizialmente non cercato. L?osservazione viene comunicata il 30 giugno.

Infine l?ultima conferma ? stata annunciata il 2 luglio dai laboratori Desy ad Amburgo, in Germania. I dati questa volta sono quelli prodotti dall?esperimento Hermes, al quale partecipano ricercatori dell?Infn, in particolare dei Laboratori Nazionali di Frascati, delle sezioni di Ferrara e Bari e di Roma-Sanit?. Anche Hermes non era focalizzato sulla ricerca del pentaquark, ma principalmente su studi riguardanti la struttura a quark e gluoni di protoni e neutroni.

Ci? che ? stato osservato in quattro diversi laboratori sembra essere a tutti gli effetti una nuova forma di materia. Ora occorre svolgere esperimenti focalizzati esattamente sullo studio delle propriet? del pentaquark. Un progetto di ricerca ad altissima priorit? ? gi? stato approvato lo scorso mese al Jefferson Lab e diverr? operativo in tempi molto brevi.
E per il futuro? Il Modello Standard prevede altre forme esotiche di materia: particelle formate da sei quark, particelle costituite da quark e gluoni (particelle elementari che tengono legati i quark all?interno di protoni e neutroni) o anche glueballs, formati unicamente da gluoni.
? un po? come se in una lontana foresta tropicale scoprissimo un luogo abitato da grossi animali con pi? teste o con una combinazione di arti mai vista: si tratterebbe di un ecosistema tutto da esplorare e denso di sorprese.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://www.lnf.infn.it/esperimenti/aiace
http://arXiv.org/hep-ex/0307018

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana