GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  01-10-2003: IL 10 OTTOBRE SI INAUGURA ALLE CANARIE IL TELESCOPIO MAGIC: IL PIů GRANDE DEL MONDO PER LO STUDIO DELLA RADIAZIONE GAMMA 
 ELENCO COMPLETO 
il telescopio Magic
il telescopio Magic

© Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Il 10 ottobre nell?isola di La Palma, a 2200 metri sul livello del mare presso l?Osservatorio Roque de los Muchachos dell?Istituto Astrofisico delle Canarie, sar? inaugurato il nuovo telescopio Magic (Major Atmospheric Gamma Imaging Cherenkov telescope). Con il suo specchio di 17 metri di diametro e 240 metri quadrati di superficie, ? il pi? grande telescopio del mondo dedicato alla ?gamma astronomia?, cio? allo studio dei raggi gamma.

Magic ? frutto di una collaborazione internazionale alla quale l?Italia ha dato un contributo fondamentale attraverso ricercatori dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) appartenenti in particolare alle sezioni delle Universit? di Padova, Siena e Udine. I gruppi di ricerca delle tre universit? sono stati guidati rispettivamente da Mos? Mariotti, Riccardo Paoletti e Alessandro De Angelis e coordinati a livello nazionale da Luigi Peruzzo, gi? direttore del Dipartimento di Fisica dell?Universit? di Padova.

I raggi gamma sono particelle dotate di una energia oltre un milione di volte pi? grande di quella propria della luce. In particolare, raggi gamma dotati di grande energia vengono emessi per pochi secondi in esplosioni improvvise e ancora in buona parte misteriose chiamate Gamma Ray Bursts, oltre che da altre sorgenti come i Nuclei Galattici Attivi (Agn). I raggi gamma che giungono fino a noi dopo essere stati prodotti all?interno di queste sorgenti a energie molto elevate, ci forniscono informazioni dirette e preziose sui processi che li hanno generati.

?I raggi gamma per? non sono facili da osservare. Contrariamente alla luce visibile infatti essi non si possono riflettere su superfici o venire concentrati con sistemi ottici su rivelatori. Si comportano pi? verosimilmente come energetici proiettili e la loro rivelazione deve essere effettuata con gli strumenti e le metodologie tipiche della fisica subnucleare, sviluppati nei grandi laboratori internazionali. Inoltre, poich? i raggi gamma non riescono ad attraversare immutati l?atmosfera, per evidenziarli si devono collocare i rivelatori fuori dall?atmosfera stessa (lanciando satelliti che, dato il costo attuale delle tecnologie spaziali, sono vincolati a piccole dimensioni e piccole aree efficaci) o costruire rivelatori come Magic, in grado di rivelare la cosiddetta luce Cherenkov?, spiega Luigi Peruzzo.
La luce Cherenkov viene emessa dagli sciami di particelle cariche prodotte dai raggi gamma che interagiscono con l?atmosfera. In altre parole, questa radiazione ? una sorta di lampo luminoso che si produce quando una particella carica passa in un mezzo con una velocit? ?superluminale?, superiore cio? alla velocit? della luce in quel mezzo. Naturalmente nulla va pi? veloce della luce nel vuoto ma, in un mezzo come l?atmosfera, la luce si propaga pi? lentamente che nel vuoto e, a volte, pi? lentamente di particelle molto energetiche come gli elettroni e i positroni generati in cascata dai raggi gamma.

Magic non ? un dunque assimilabile a un telescopio ottico per astronomia, ma ? un enorme rivelatore di particelle. La grande superficie riflettente focalizza il debole lampo di luce Cherenkov e il raggio gamma viene ?fotografato? come se fosse una specie di stella cadente il cui lampo dura solo 2-3 nanosecondi (miliardesimi di secondo).

Magic consentir? lo studio della radiazione gamma proveniente da sorgenti galattiche ed extragalattiche. Si potranno ottenere informazioni decisive sia sulla fisica delle Pulsar (dove condizioni estreme di gravit? ed elevate energie forniscono un laboratorio naturale per verificare modelli e leggi della fisica), sia sull?origine stessa dei raggi cosmici. Tra le misure di cosmologia sperimentale che il telescopio Magic pu? fare, la pi? importante riguarda lo studio dello spettro delle sorgenti di raggi gamma con la possibilit? di osservare l?Universo su una profondit? che arriva a 8 miliardi di anni luce. Questo studio permette di introdurre un metodo alternativo di misura delle distanze, il quale, insieme ai metodi tradizionali, consente di misurare alcune grandezze cosmologiche come l?energia oscura (dark energy), che sembra essere il costituente pi? abbondante del nostro Universo. Inoltre le soluzioni tecnologiche adottate per Magic lo porteranno a operare anche a bassa soglia in energia per la ricerca di nuove particelle come le WIMPs (Weakly Interacting Massive Particles), possibili relitti dell?evoluzione dell?Universo che si ipotizzano essere il principale costituente della materia oscura (dark matter). La scoperta di tali particelle avrebbe una duplice valenza scientifica: da un lato si risolverebbe il mistero della materia oscura e dall?altro se ne rivelerebbe la natura, dando credito o smentendo le recenti teorie sulla supersimmetria delle particelle non ancora verificate negli esperimenti presso gli acceleratori.

?Il Telescopio Magic servir? anche come banco di prova per produrre sistemi innovativi di acquisizione di dati. L?utilit? di questi ultimi si estende anche al di fuori delle ricerche in fisica, verso campi interdisciplinari e pi? strettamente tecnologici. In particolare i sistemi di acquisizione di dati prodotti da Magic contribuiranno alla soluzione dei problemi del ?riconoscimento di immagini? che accomuna le tematiche dei telescopi Cherenkov ai rivelatori in generale e su satellite (come il satellite Glast, prossimo al lancio) e alla fisica medica?, conclude Luigi Peruzzo.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://hegra1.mppmu.mpg.de/MAGICWeb/
http://hegra1.mppmu.mpg.de/MAGICWeb/

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana