GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  02-08-2004: MATERIA E ANTIMATERIA: SCOPERTA NUOVA, FONDAMENTALE DIFFERENZA DI COMPORTAMENTO 
 ELENCO COMPLETO 
 Esperimento BaBar allo SLAC
Esperimento BaBar allo SLAC

© Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Se possiamo osservare stelle, pianeti e tutto ci? che esiste nell?Universo, compresi noi stessi, ? perch?, come suggeriscono i fisici teorici, dopo la primordiale esplosione cosmica, il ?Big Bang?, la materia ha prevalso sull?antimateria ed ha dato vita all?Universo cos? come lo conosciamo. Oggi, l'affascinante idea che vi sia in natura una asimmetria tra materia e antimateria, tecnicamente nota come violazione di CP, viene confermata da nuovi, entusiasmanti risultati raggiunti dalla Collaborazione Internazionale BaBar, di cui fa parte l'Infn.

I risultati, appena pubblicati dalla prestigiosa rivista ?Physical Review Letters?, riguardano in particolare una nuova misura che dimostra inconfutabilmente una netta differenza di comportamento tra le particelle chiamate mesoni B e la loro controparte di antimateria, i mesoni anti-B.
Queste particelle sono prodotte presso il collisore PEP-II del laboratorio SLAC in California, grazie a scontri fra fasci di elettroni e la loro controparte di antimateria, i positroni. Avendo vita molto breve, i mesoni generati decadono, trasformandosi ossia, quasi immediatamente in altre particelle subatomiche.
Ed ? proprio in questa trasformazione che gli studiosi di BaBar hanno evidenziato una diversit? di comportamento tra le particelle e le antiparticelle.
?Se non ci fosse differenza tra materia e antimateria, i mesoni B e gli anti-B mostrerebbero esattamente le stesse modalit? di decadimento. Invece la nostra nuova misura evidenzia proprio una sostanziale diversit? negli schemi di decadimento?, dice Marcello Giorgi, coordinatore della collaborazione BaBar e ricercatore dell'Infn di Pisa.
Studiando infatti il decadimento di oltre 200 milioni di coppie di mesoni B e mesoni anti-B, i ricercatori hanno scoperto un modo nuovo in cui si manifestano gli effetti dell'asimmetria tra materia e antimateria: si tratta di un fenomeno noto come violazione di CP diretta, che si verifica semplicemente come una differenza fra il numero di decadimenti di materia rispetto a quelli dell?antimateria.
"Abbiamo notato 910 esempi di decadimento del mesone B in un kaone e in un pione, ma solo 696 esempi per il mesone anti-B. Questa nuova misura ? prima di tutto il risultato dell?eccezionale prestazione del collisore PEP-II di SLAC e dell?elevatissima efficienza del rivelatore BaBar", conclude Giorgi.


La collaborazione di BaBar ? costituita da fisici provenienti da vari Paesi e il ruolo della componente italiana ? rilevante. Basti pensare che la grande mole di dati grezzi prodotti da BaBar al ritmo di quasi un TeraByte al giorno, vale a dire mille miliardi di byte, sono transitati in Italia, dove ? avvenuta l?elaborazione primaria presso il centro di calcolo dell' Infn di Padova.

"Per noi del gruppo italiano dell'Infn, la seconda comunit? nella collaborazione dopo quella americana, si tratta di un risultato di grande soddisfazione. Il nostro contributo all?esperimento ? infatti a 360 gradi e va dalla manutenzione dei sofisticati rivelatori che fotografano i brevi attimi di vita dei mesoni B, all'entusiasmante impegno nell'analisi dei dati" aggiunge Mauro Morandin, dell?Infn di Padova, che con Francesco Forti, dell?Infn di Pisa, coordina i circa 100 fisici ed ingegneri italiani coinvolti in BaBar.
"Sono stati proprio Gianluca Cavoto, un giovane ricercatore dell?Universit? La Sapienza di Roma e della Princeton University e Jim Olsen, della Princeton University a coordinare il lavoro che a tempo di record ha portato a questo risultato, uno dei pi? importanti fra i cento ormai pubblicati dalla Collaborazione? conclude Mauro Morandin.

Come afferma Johnatan Dorfan, direttore di SLAC ?Questa osservazione rappresenta un significativo passo in avanti per comporre il puzzle dell?evoluzione di materia ed antimateria nell?Universo?.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://www.slac.stanford.edu/BFROOT/

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana