GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  25-03-2005: PAMELA PRONTA ALLA RICERCA NELLO SPAZIO DI ANTIMATERIA E MATERIA OSCURA  
 ELENCO COMPLETO 
L'esperiemento Pamela
L'esperiemento Pamela

© Copyright INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




PAMELA, ?Payload for Antimatter Matter Exploration and Light-nuclei Astrophysics?, lo strumento italiano che per primo esplorer? dallo Spazio antimateria e materia oscura, ? finalmente pronta per essere integrata sul satellite e preparata al lancio.
Per questo motivo il prossimo 29 marzo l?apparato sar? trasferito dalla sezione INFN presso l?Universit? di Roma ?Tor Vergata?, dove ? stato progettato e realizzato, ai laboratori della TsSKB-Progress in Russia, a Samara, per essere installato sul satellite russo Resurs-DK1 e poi trasportato alla base di Bajkonur in Kazakhstan, da dove nel prossimo autunno sar? lanciato per essere posizionato su un'orbita ellittica quasi polare tra 300 e 600 chilometri d?altezza.

PAMELA, che operer? per almeno tre anni, ? frutto di una collaborazione internazionale coordinata dall?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Vi partecipano l?Agenzia Spaziale Italiana con il contributo delle agenzie spaziali tedesche, svedesi e russe.

L?obiettivo di PAMELA sar? quello di indagare l?affascinante questione dell?antimateria e della materia oscura, studiando i raggi cosmici. I raggi cosmici sono particelle energetiche di diversa natura che giungono dallo Spazio e trasportano importanti informazioni sulla sorgente cosmica che li ha emessi, sulla composizione della materia che costituisce l?Universo e quindi sulla sua origine ed evoluzione.

In particolare PAMELA misurer? il flusso, l?energia e le caratteristiche dei raggi cosmici di origine galattica, interplanetaria e solare con una precisione mai ottenuta prima, consentendo notevoli progressi in questo importante e giovane settore dell?astrofisica.

Grazie alla sofisticata strumentazione di PAMELA si potranno effettuare per la prima volta osservazioni di lungo periodo senza il disturbo dell?atmosfera con la quale i raggi cosmici interagiscono. Finora dati di questo tipo sono stati raccolti da strumenti posti su palloni stratosferici, e una volta anche sullo Space Shuttle, ma sempre per breve tempo.
PAMELA fornir? inoltre informazioni sulle particelle energetiche emesse dal Sole e sulla loro interazione con il campo magnetico terrestre.

?PAMELA?, dice Piergiorgio Picozza, direttore della sezione INFN dell?Universit? di Tor Vergata, che ha coordinato il lavoro delle sezioni INFN di Firenze, Napoli, Trieste, Bari, dei Laboratori Nazionali di Frascati e della collaborazione internazionale, ?? attualmente lo strumento pi? avanzato nel campo dello studio dell?antimateria, della materia oscura e dei raggi cosmici in generale, ed ? il risultato del lavoro comune fatto da un gran numero di ricercatori, in gran parte giovani. La sua messa in orbita nel prossimo autunno rappresenter? il coronamento di un lungo periodo di ricerche nello spazio realizzate dal nostro gruppo in tutti questi anni?.

Lo strumento pesa quasi cinquecento chili, ha le dimensioni di un parallelepipedo alto 1,3 metri con 75x75 centimetri di base ed ? composto essenzialmente da un grande magnete corredato da un notevole numero di rivelatori che permettono di riconoscere le particelle, tracciarne la traiettoria e misurarne l?energia. Completano l?apparato sofisticati dispositivi elettronici per la lettura dei rivelatori, la gestione dell?apparato e il collegamento con i sistemi di comunicazione del satellite.

PAMELA ? uno degli elementi del programma dell?ASI dedicato alle alte energie che, oltre all?importante ruolo nell?astronomia X e gamma con la partecipazione alle missioni SWIFT e GLAST della NASA e il satellite nazionale AGILE, prevede importanti contributi alla realizzazione dell?Anti Matter Spectometer (AMS) per lo studio dei raggi cosmici dalla Stazione Spaziale e altri progetti di nuova generazione allo studio. La maggior parte di questi programmi ? frutto dell?intensa collaborazione tra ASI e INFN che permette all?Italia di essere all?avanguardia nel mondo nel settore dell?astrofisica delle alte energie.

Appuntamento allora al prossimo autunno per il lancio!


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana