GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  13-01-2006: MATRIXX: UN “PAZIENTE SIMULATO” AL SERVIZIO DELLA RADIOTERAPIA 
 ELENCO COMPLETO 
Prototipo di MatriXX.
Prototipo di MatriXX.

© Copyright INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Il suo nome ? MatriXX, ma non ha nulla a che vedere con il programma virtuale della famosa trilogia cinematografica. Si tratta invece di un innovativo strumento al servizio della biomedicina: un dosimetro per radioterapia sviluppato dalla Sezione di Torino dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dall?Universit? del capoluogo piemontese, in collaborazione con l?Associazione per lo Sviluppo Scientifico e Tecnologico del Piemonte (Asp) e con la Fondazione Tera (Terapia con Radiazioni Adroniche). MatriXX sar? presentato ufficialmente mercoled? 18 gennaio alle 10,30 presso l?Aula Magna dell?Universit? di Torino, nel corso di un incontro aperto ai giornalisti al quale interverranno i rappresentanti degli enti di ricerca coinvolti, dell?Universit?, delle istituzioni, di aziende ospedaliere della citt? e della Scanditronix-Wellh?fer, produttrice dello strumento. In questa occasione sar? ripercorsa la genesi del progetto MatriXX, verranno analizzate le diverse tappe della sua realizzazione e saranno discussi i risultati della sua applicazione clinica.

Nei trattamenti di radioterapia ? essenziale che il paziente riceva le radiazioni esclusivamente nella parte interessata dal tumore, in modo da non ledere gli organi o i tessuti sani circostanti. Per questa ragione, di fronte al fascio di raggi X viene posto un collimatore, che ha il compito di dare al fascio stesso una forma corrispondente a quella del tumore. Nei trattamenti di radioterapia pi? moderni, chiamati Imrt (Intensity Modulated RadioTherapy), il collimatore viene controllato via computer e nel corso dell?intervento subisce continui spostamenti: una strategia che consente di massimizzare la dose di radiazione inviata alla massa tumorale, riducendo al minimo quella che raggiunge le pi? vicine zone sane. Dopo che tutto ? stato impostato, e prima di intervenire sul paziente, occorre verificare che la forma del fascio sia esattamente quella desiderata, e proprio a questo scopo ? stato concepito MatriXX. ?Il progetto nasce da una idea di Ugo Amaldi e consiste in un cosiddetto dosimetro a matrice. In sostanza si tratta di 1020 dosimetri per raggi X, disposti su un quadrato di circa 24 centimetri di lato: dimensioni che sono state calcolate tenendo conto di quelle massime che pu? avere un tipico tumore umano?, spiega Roberto Cirio, responsabile del progetto MatriXX per l?Infn e ricercatore della sezione Infn di Torino, ?i dosimetri non sono altro che rivelatori di particelle, concettualmente analoghi a quelli usati negli esperimenti di fisica nucleare e subnucleare. Poich? in radioterapia si usano raggi X, cio? fotoni dotati di alta energia che non possono essere rivelati direttamente, ci? che i dosimetri rivelano sono elettroni, i quali vengono prodotti quando i raggi X interagiscono con il materiale con cui sono composti i dosimetri stessi?.

MatriXX ? dunque una sorta di ?paziente simulato? che prima dell?intervento prende il posto di quello vero, permettendo agli specialisti di accertare che tutto funzioni nel modo migliore. Dopo aver superato i test in diverse strutture ospedaliere, lo strumento ? stato avviato da poco alla commercializzazione dalla Scanditronix-Wellh?fer e a oggi sono oltre 50 gli esemplari prodotti e utilizzati nei reparti di radioterapia di vari Paesi del mondo. Finora esistevano solo altri due strumenti in grado di svolgere il compito di MatriXX, sviluppati rispettivamente negli Stati Uniti e in Germania. Rispetto ad essi tuttavia lo strumento prodotto con la collaborazione dell?Infn presenta alcune caratteristiche innovative, ad esempio una migliore risoluzione e una maggiore rapidit? di lettura. ?MatriXX, frutto di una lunga collaborazione tra un ente ricerca fondamentale, il mondo della medicina e una realt? industriale, ha raggiunto pienamente i suoi obiettivi scientifici, clinici ed economici?, dice Roberto Petronzio Presidente dell?Infn.

--
Il programma completo dell?incontro di Torino ? disponibile al sito: http://www.asp.torino.it/MatriXX.html


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://www.asp.torino.it/MatriXX.html

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana