GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  10-11-2006: LA RICERCA PUBBLICA MESSA IN GINOCCHIO DAI TAGLI INDISCRIMINATI 
 ELENCO COMPLETO 



Si ? tenuta oggi alla sede dell?Infn una conferenza stampa in cui i vertici dei principali enti di ricerca vigilati dal Miur hanno illustrato la crisi in cui versa la ricerca italiana, e le gravi conseguenze che potrebbero derivare dai nuovi provvedimenti economici proposti dal Governo.
All?incontro erano presenti, tra gli altri, i presidenti dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Roberto Petronzio, del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Fabio Pistella, dell?Istituto Nazionale di Astrofisica, Piero Benvenuti, e i premi Nobel italiani Carlo Rubbia e Rita Levi Montalcini.
Di seguito i punti cruciali emersi dall?incontro con la stampa.

* La legge finanziaria, all?art. 53, con il taglio del 12,7 per cento dei trasferimenti agli enti ? che si somma alla riduzione del 20 per cento della spesa intermedia stabilita con il ?decreto Bersani? pochi mesi fa ? finisce per influire fino al 60 per cento sulle spese per i laboratori, le altre infrastrutture di ricerca, i ricercatori non stabilizzati. Questa incidenza cos? alta ? dovuta al fatto che sono incomprimibili le spese per gli stipendi del personale assunto, e quelle derivanti da impegni internazionali; spese che pure potrebbero in alcuni casi essere messe a rischio.

* La ricerca italiana, dopo anni di ristrettezze che hanno visto una generalizzata e ampissima riduzione dei finanziamenti diretti al netto dell?inflazione, rischia ora di trovarsi nell?impossibilit? di gestire le attivit? di ricerca in molti laboratori e quindi di dover paralizzare una buona parte delle sue infrastrutture

* Il vantaggio finanziario derivante dalla manovra operata sugli enti di ricerca pubblici ? peraltro ridotto, se rapportato al respiro complessivo: si parla infatti di tagli che valgono tra i 200 e i 300 milioni di euro, a fronte di una manovra che si aggira attorno ai 40.000 milioni di euro.

* Con questo taglio ? l?insieme del sistema ricerca che va in crisi, facendo perdere competitivit? al paese, lasciando campo libero alle aziende ad alta tecnologia straniere nei progetti internazionali e dando l?immagine in Europa di un paese che rinuncia alla scienza.

* In particolare, la ricerca italiana rischia di essere totalmente emarginata dalle iniziative previste dal VII Programma quadro Ue. Un danno che si protrarrebbe irreversibilmente per i prossimi sette anni. ?La scienza ? come un albero, una volta tagliato ci vogliono vent?anni per farne crescere un altro? ha osservato il premio Nobel per la Fisica, Carlo Rubbia, in collegamento dal Cern di Ginevra.

* La ricerca non pu? essere un capitolo di spesa su cui risparmiare, perch? ? il motore dello sviluppo, come afferma del resto lo stesso governo e come ? diffusa percezione da parte del Paese. I ricercatori non sono dei semplici attrezzi da utilizzare o riporre, specie per un paese che, come ha detto la prof.ssa e senatrice Rita Levi Montalcini, annunciando il proprio voto contrario alla Finanziaria nel caso in cui non vengano apportate le opportune modifiche, ?non dispone di materie prime ma ha dalla sua un grande capitale umano?.

* La ?compensazione? agli enti per i tagli subiti non pu? essere trovata nei finanziamenti sui fondi per i progetti di ricerca, perch? questi rischiano di essere disponibili troppo tardi rispetto alle stringenti necessit? di funzionamento delle strutture esistenti e agli impegni internazionali gi? sottoscritti.


Il presente comunicato ? stato steso in accordo tra Infn, Cnr, Inaf, Asi.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana