GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  20-12-2006: NEMO: DAGLI ABISSI ALLA SCOPERTA DEI MISTERI DELL’UNIVERSO 
 ELENCO COMPLETO 
Operazioni di carico della torre sulla nave Teliri
Operazioni di carico della torre sulla nave Teliri

© Copyright Ivan Perrone L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN


A 2100 metri di profonditŕ, il primo test del telescopio per neutrini

Si ? svolta secondo i piani e si ? conclusa cos? con successo l?operazione marina durata dal 9 al 18 dicembre scorsi durante la quale ? stata completata l?installazione dell?apparato Nemo Fase-1 a 2100 m di profondit?, al largo di Catania, nel test site sottomarino dei Laboratori Nazionali del Sud (Lns) dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

Il progetto, cofinanziato dal Miur, consiste in un prototipo dei principali componenti che costituiranno Nemo, il futuro telescopio sottomarino per neutrini che avr? le dimensioni di un chilometro cubo e che sar? collocato, nella sua sede definitiva, a 3500 m di profondit?, nel mare al largo di Capo Passero in Sicilia. Nemo Fase-1 rappresenta quindi un primo passo verso la realizzazione del rivelatore di neutrini abissale e ha lo scopo di verificarne le tecnologie d?avanguardia sviluppate dalla collaborazione Nemo.

Nemo Fase-1 ? un apparato collegato a un cavo elettro-ottico (gi? installato nel test site), il quale consente di fornire alimentazione elettrica alla strumentazione sottomarina e di trasmettere i dati su fibra ottica alla stazione di terra che si trova nel porto di Catania. Esso ? costituito da una junction box, che ? il nodo che permette di distribuire la potenza e i canali per i dati verso pi? utenze, e da una struttura a torre, sulla quale sono montati i sensori ottici necessari a rivelare le tracce delle particelle cosmiche; ma anche tutti i sensori per la caratterizzazione completa dell?ambiente sottomarino in cui il rivelatore ? installato. Inoltre, un insieme di trasmettitori e ricevitori acustici consente di conoscere istante per istante con una precisione dell?ordine dei 10 cm la posizione di ogni elemento della torre.

Le operazioni di collocamento dell?apparecchiatura sul fondo marino, eseguite grazie alla nave Teliri dai tecnici specializzati dell?Elettra Tlc e dal personale dell?Infn, si sono svolte con successo, installando e collegando dapprima la junction box e poi la torre. Per le connessioni, ? stato utilizzato un robot sottomarino, pilotato dalla superficie, in grado di operare alla profondit? di 2000 m. L?operazione di installazione si ? conclusa innalzando la torre, di 250 metri di altezza, fino al raggiungimento della sua posizione operativa. Il sistema ? stato quindi alimentato: esso ha cominciato subito a trasmettere dati ai ricercatori a terra, confermando il buon risultato dell?operazione che si ? svolta cos? secondo le pi? ottimistiche previsioni.







SCHEDA TECNICA
Perch? rivelare i neutrini dal fondo del mare con un dispositivo delle dimensioni di un chilometro cubo?

La peculiarit? dei neutrini sta nella probabilit? estremamente bassa di interagire con la materia: questa caratteristica consente loro di non essere assorbiti dalla radiazione di fondo e di attraversare imperturbati regioni che sono opache alla radiazione elettromagnetica, come l?interno delle sorgenti astrofisiche. Inoltre, essendo particelle neutre, non subiscono deflessioni causate dai campi magnetici galattici e intergalattici che impedirebbero di risalire alla direzione di provenienza. Il prezzo da pagare per osservare queste particelle cos? sfuggenti ? la necessit? di realizzare rivelatori di dimensioni enormi: le stime teoriche indicano che un telescopio per neutrini di alta energia debba avere un volume di almeno un chilometro cubo. Inoltre, per schermarsi dalla pioggia di radiazione cosmica che bersaglia la Terra, questi rivelatori devono essere installati in luoghi fortemente schermati. ? per? evidente che dispositivi di queste dimensioni non possono essere collocati in laboratori sotterranei. Una possibile soluzione, allora, ? quella di utilizzare grandi volumi di un mezzo naturale, dotandolo di opportuni strumenti.
In un mezzo trasparente, come l?acqua delle profondit? marine o i ghiacci polari, ? possibile rivelare la radiazione luminosa prodotta per effetto Cherenkov dalle particelle secondarie (muoni), che i neutrini generano interagendo con la materia. Una griglia di alcune migliaia di sensori ottici disposti in un volume di circa un chilometro cubo ? in grado di rivelare la debole luce prodotta permettendo di ricostruire la traccia del muone. Poich? quest?ultimo ha una direzione sostanzialmente uguale a quella del neutrino che l?ha prodotto, la sua rivelazione permette di risalire anche alla direzione del neutrino e di conseguenza all?osservazione della sua sorgente. Inoltre, se poniamo il rivelatore nelle profondit? marine (o dei ghiacci polari), la materia sovrastante funge anche da schermo contro il fondo di particelle cosmiche, che in superficie ?accecherebbe? il rivelatore. L?acqua (o il ghiaccio) assolve, cos?, a un triplice compito: schermo protettivo dai raggi cosmici, bersaglio per l?interazione di neutrini e mezzo trasparente attraverso il quale si propaga la luce Cherenkov.
(Emilio Migneco)


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana