GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  13-04-2007: IL CACCIATORE DI RAGGI COSMICI CHE DUE VOLTE SFIORÒ IL NOBEL 
 ELENCO COMPLETO 

Dal 31 marzo una mostra dedicata al fisico Giuseppe Occhialini che contribuì alla dimostrazione dell’esistenza dell'antimateria e alla comprensione delle forze fondamentali che tengono unito il nucleo atomico. Entrambi i lavori valsero il Nobel ai coordinatori delle equipe di cui fece parte. Il Museo del Balì di Saltara (Pesaro-Urbino) celebra il centenario della nascita di uno dei padri dell’esplorazione dell’Universo con i satelliti e del programma di ricerca spaziale europea.

Il 31 marzo al Museo del Bal? di Saltara apre ?Giuseppe Occhialini, uno scienziato alla scoperta dell?Universo invisibile?, la mostra dedicata ad uno dei pi? grandi fisici del XX secolo. Nato cento anni fa a Fossombrone (in provincia di Pesaro-Urbino, a poca distanza dal Museo del Bal?), Occhialini ? stato autore di scoperte di fondamentale importanza nella fisica nucleare e sub-nucleare, oltre che straordinario maestro nella fisica delle particelle, dei raggi cosmici e nelle relative tecniche di rivelazione.

Beppo, come lo chiamavano affettuosamente i suoi colleghi, ? stato tra i precursori dell?esplorazione dell?Universo nei raggi X e nei raggi gamma con esperimenti su satelliti, oltre ad aver avuto un ruolo importante nella nascita del programma di ricerca spaziale europea. In suo onore e come riconoscimento di questo ruolo, le agenzie spaziali italiana, olandese ed europea, hanno chiamato BeppoSAX il satellite lanciato in orbita nel 1996 per l?esplorazione dell?Universo nei raggi X. Il satellite per sei anni ha raccolto immagini dell?Universo, contribuendo a far luce su uno dei pi? affascinanti fenomeni astrofisici di questo secolo: i gamma ray bursts.

La mostra dedicata al grande fisico marchigiano ? articolata in 30 pannelli distribuiti su 6 sale con strumenti originali funzionanti, come le camere a nebbia e a scintille e i microscopi con lastre d'emulsione nucleare. Tra gli oggetti esposti c?? anche un telescopio funzionante per raggi cosmici, il prototipo del rivelatore PAMELA, attualmente in orbita, e i modellini dei satelliti per l?esplorazione del cosmo ?COS-B? e ?BeppoSax?.

Tre i livelli di lettura della mostra:
Storico biografico - un viaggio per scoprire la vita di Occhialini un uomo e un ricercatore intimamente legato al suo tempo. Un itinerario per ripercorrere il Novecento, i suoi avvenimenti, le sue guerre, le sue conseguenze sociali e gli intrecci tra politica e scienza.
L?evoluzione della strumentazione - un?esplorazione delle tecniche di rivelazione delle particelle: si va dall?elettroscopio alle immagini del cielo in raggi gamma fornite da satelliti, attraverso i contatori Geiger, la camera a nebbia, le lastre di emulsioni nucleari e i telescopi di particelle su palloni sonda e satelliti.
Il progresso delle conoscenze scientifiche - un cammino per comprendere il percorso della scienza dai primi anni del Novecento ai giorni nostri, dalla scoperta delle prime particelle sub-nucleari, all?esplorazione dell?Universo, fino ai quesiti ancora aperti.

La mostra ? stata realizzata dal Museo del Bal? con il patrocinio della Societ? Italiana di Fisica e la collaborazione dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), dell?Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), dell?Universit? degli Studi di Milano-Bicocca, dell?Universit? degli Studi di Milano, dell?Agenzia Spaziale Italiana (ASI), dell?Agenzia Spaziale Europea (ESA) dell?Alenia Alcatel Space e di vari Dipartimenti Universitari di Fisica.

Per informazioni:
Ufficio Stampa Museo del Bal?
Eleonora Cossi 3939 35 98 28
Francesca Conti 338 52 33 016
e-mail ufficiostampa@museodelbali.org


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: è l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana