GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  16-11-2007: PIANETA TERRA: L’ENORME LABORATORIO DELLA FISICA FONDAMENTALE 
 ELENCO COMPLETO 

L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare alla nona edizione di “Era”, la biennale di divulgazione scientifica di Trieste

Aprir? i battenti domani 17 novembre, alla Stazione Marittima di Trieste, e rimarr? aperta fino al 16 dicembre prossimo, la nuova edizione di Era, l?Esposizione di Ricerca Avanzata, alla quale partecipa anche l?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) con un allestimento curato dalla sezione di Trieste. L?edizione di quest?anno ? dedicata al nostro pianeta e rientra nell?ambito delle iniziative per l??International Year of Planet Earth? proclamato dalle Nazioni Unite.
Lo spazio espositivo dell?Infn introdurr? il visitatore al grande ?laboratorio Terra?: per studiare i misteri del nostro universo gli scienziati, infatti, progettano e realizzano i loro esperimenti nei luoghi pi? impensati del nostro pianeta, sfruttando le caratteristiche che ciascuno di essi pu? offrire.
I ricercatori dell'Infn hanno da sempre un rapporto diretto con la nostra Terra, basti pensare ai laboratori di alta montagna che nella prima met? del secolo scorso hanno permesso di scoprire il pione, l?antielettrone e le altre particelle che compongono gli sciami di raggi cosmici che ci piovono addosso.
Ma non ? solo l?alta quota a offrire vantaggi alla ricerca, anche gli abissi si possono trasformare in un efficiente laboratorio: dipende infatti dalle caratteristiche di ci? che vogliamo studiare. I neutrini, per esempio, sono particelle che interagiscono pochissimo con la materia: essi riescono cos? ad attraversare indisturbati l?intero nostro pianeta prima di trasformarsi producendo muoni. Per poterli rivelare, i ricercatori degli esperimenti Nemo e Antares hanno piazzato in fondo al mare, ad alcuni chilometri di profondit?, degli occhi supertecnologici puntati per? ?verso il basso?, per poter ?vedere? la flebile luce che i muoni prodotti dai neutrini provenienti dagli antipodi emettono quando attraversano l?acqua. Dall?analisi di questo segnale ? possibile risalire alla loro traiettoria e ricavare cos? informazioni sulla loro origine.
Neutrini sono anche le particelle prodotte artificialmente al Cern di Ginevra e ?sparate? verso i laboratori dell?Infn che si trovano sotto il massiccio del Gran Sasso, dove giungono dopo aver attraversato 730 km di roccia in 2,4 millesimi di secondo, viaggiando fino a 11,5 km di profondit?. Ma perch? allestire i laboratori all?interno di enormi caverne sotto la montagna? La roccia che li sovrasta costituisce un ottimo setaccio, perch? impedisce alla maggior parte dei raggi cosmici di penetrare in profondit?: in questo modo il segnale delle particelle che i ricercatori vogliono studiare non ? ?inquinato? dal rumore di fondo prodotto dalle altre particelle.
Ma non ? tutto. Satelliti scientifici che ogni novanta minuti compiono un?orbita attorno al nostro pianeta, ci hanno permesso di conosce e descrivere, per esempio, i fenomeni elettromagnetici. Uno speciale modellino ?attivo? ci far? vedere come si formano le fasce di radiazione, mentre un rivelatore ci permetter? di contare i raggi cosmici che lo attraversano in ogni istante.
Il visitatore scoprir? cos?, attraverso un percorso fatto di exhibit, modellini, filmati e poster, che il nostro pianeta ? per gli scienziati come un enorme laboratorio: sulla Terra, sotto e al di sopra di essa, si svolgono fondamentali ricerche scientifiche, come quelle condotte dall?Infn.
Ma i progressi nella conoscenza della natura e dell?universo non sono l?unico prodotto della ricerca scientifica: essa conduce anche a enormi passi avanti nello sviluppo di nuove tecnologie, che entrano immediatamente nel circolo vitale della societ? come efficaci e potenti strumenti che hanno applicazioni in svariati campi: dalla diagnosi medica alla cura, dal calcolo superveloce alle analisi dei beni artistici, per citarne solo alcuni.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana