GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  06-02-2008: VERSO IL COMPLETAMENTO DI ANTARES, IL TELESCOPIO SOTTOMARINO A CACCIA DI NEUTRINI  
 ELENCO COMPLETO 

© Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN


Antares il telescopio sottomarino per lo studio dei neutrini di alta energia di origine cosmica č quasi completo. Sono ormai attive 10 delle 12 torri mobili sottomarine previste. dati raccolti hanno giŕ consentito di osservare le particelle prodotte dall’interazione dei neutrini, i muoni, ad una frequenza di circa 6 al giorno. L’entrata in funzione a pieno regime č prevista per la prossima primavera.

Antares il pi? grande telescopio sottomarino per lo studio dei neutrini di alta energia di origine cosmica ? quasi completo. Sono infatti state installate cinque nuove torri mobili sottomarine di fotomoltiplicatori, portando cos? a 10 il numero di quelle in funzione. Lo strumento lavorer? a pieno regime dalla prossima primavera quando le torri saranno portate a dodici. La lunga e delicata operazione subacquea si ? svolta con l?appoggio della nave oceanografica ?Pourquoi pas?? attrezzata con il veicolo sottomarino teleguidato (ROV) ?Victor?.
Antares ? il pi? grande telescopio sottomarino attualmente in funzione e l?unico grande esperimento di neutrino-astronomia realizzato a grandi profondit? nell?emisfero boreale (un esperimento analogo ? in funzione sotto i ghiacci del polo sud). Antares ? installato al largo di Tolone, in Francia, alla profondit? di 2500 metri.

Questo grande ?occhio elettronico? studia fenomeni che accadono in zone remote dell?Universo attraverso l?osservazione di neutrini di alta energia che, dopo aver attraversato la Terra, ?sbucano? dal fondale marino per continuare la loro corsa. In particolare il telescopio ci dar? importanti informazioni su fenomeni lontanissimi quali Galassie con Nuclei Attivi, Quasars e Lampi di raggi gamma che gli scienziati ritengono essere all?origine dei neutrini di alta energia.
? proprio negli abissi che Antares con i suoi 750 fotomoltiplicatori (rivelatori per neutrini) puntati verso il basso ?cattura? i piccoli lampi causati da particelle generate dall?impatto dei neutrini con l?acqua (i muoni). I dati vengono poi inviati alla stazione di controllo attraverso un cavo elettro-ottico. Con l?installazione delle ultime due torri mobili, prevista per la prossima primavera, il numero totale dei fotomoltiplicatori passer? da 750 a 900.

L?esperimento, a cui L?istituto Nazionale di Fisica Nucleare ha contribuito in modo sostanziale, ? frutto di un'ampia collaborazione internazionale, che comprende oltre all'Italia, la Francia, Germania, Olanda, Spagna, Romania e Russia. Nel nostro paese partecipano all'impresa le Sezioni INFN e i Dipartimenti di Fisica di Bari, Bologna, Catania, Genova, Pisa, Roma-1 oltre ai Laboratori Nazionali del Sud dell'INFN (Catania).
L'INFN ? impegnato anche in un'altra ambiziosa iniziativa simile ad Antares: l?esperimento Nemo. Si tratta di un prototipo di osservatorio sottomarino per neutrini in corso di installazione ad una profondit? di circa 3500 metri, al largo delle coste Siciliane.
I gruppi europei attualmente impegnati in ANTARES, in NEMO ed in altre iniziative analoghe, hanno di recente costituito un consorzio (Km3Net) per lo sviluppo di un progetto comune di un rivelatore sottomarino di grandi dimensioni che ? fortemente supportato e finanziato anche dall'Unione Europea.

In contemporanea viene pubblicata oggi la newsletter mensile di Aspera, il network europeo sulla fisica delle astroparticelle, completamente dedicata al progetto Km3Net.
Link: http://www.aspera-eu.org

PPROFONDIMENTI

Come ? fatto Antares


L?esperimento ? costituito da 12 torri mobili alte circa 450 metri su cui si trovano complessivamente 900 ?occhi elettronici?, i fotomoltiplicatori, distribuiti in 25 tripletti su ciascuna linea. I fotomoltiplicatori registrano i lampi luminosi prodotti dal passaggio dei neutrini che attraversando l?acqua danno origine a particelle chiamate muoni. L?emissione del lampo di luce ? dovuta a un fenomeno noto come Effetto Cerenkov. Secondo la teoria della relativit? nessuna particella pu? viaggiare nel vuoto ad una velocit? superiore a quella della luce. In un mezzo denso per?, come ad esempio l?acqua, le particelle possono viaggiare ad una velocit? maggiore di quella della luce nello stesso mezzo. Quando ci? accade vengono emessi piccoli impulsi di luce. Il fenomeno ? analogo al ?bang? acustico emesso da un aereo che viaggi a velocit? supersonica. Gli occhi di Antares fotografano i lampi luminosi emessi dai muoni originati dall?impatto tra i neutrini e l?acqua, che in mare viaggiano a una velocit? superiore a quella della luce emettendo bagliori luminosi.
Il rivelatore si trova a una profondit? di 2500 metri per poter schermare i fotomoltiplicatori dal flusso di particelle di altra natura che costantemente raggiunge la terra e interferirebbe con gli studi in corso. Per questo motivo gli esperimenti sono realizzati in condizioni estreme, sotto montagne, in miniere, sotto l?acqua del mare o il ghiaccio del Polo sud
Attualmente le torri funzionanti sono 10 e il completamento della struttura del telescopio ? previsto per la prossima primavera. Con la costruzione di ANTARES, l'INFN e gli altri Enti di Ricerca Europei coinvolti danno inizio ad un ambizioso programma di sviluppo di una nuova tecnica di osservazione dei processi astrofisici, che promette grandi potenzialit?. In aggiunta a ci? i progetti ANTARES e NEMO costituiscono delle infrastrutture sottomarine permanenti e multidisciplinari, con promettenti sviluppi nel campo della Biologia Marina, dell'Oceanografia e della Geofisica.

Per contatti:
Emilio Migneco, Laboratori Nazionali del Sud dell?INFN, Catania
Cellulare 329 8312318
e-mail: migneco@lns.infn.it

Vincenzo Flaminio, sezione INFN di Pisa
Tel 050 2214236
Cellulare 348 0937501
e-mail: vincenzo.flaminio@pi.infn.it


Romeo Bassoli
capo ufficio stampa
Istituto Nazionale Fisica Nucleare
tel: 39.066868162
cell: 328 6666766
e-mail: romeo.bassoli@presid.infn.it

Eleonora Cossi
Ufficio comunicazione
Istituto Nazionale Fisica Nucleare
tel: 39.066868162
e-mail: eleonora.cossi@


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://www.aspera-eu.org

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana