GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  18-02-2008: LA VELOCITŕ DELLA FISICA: MOTORE INVISIBILE DI UN SECOLO APPENA PASSATO  
 ELENCO COMPLETO 

© Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN


Il contributo scientifico dell’Infn alla mostra “Il mito della velocitŕ” in programma dal 19 febbraio al 18 maggio al Palazzo delle Esposizioni di Roma

C?? una velocit? inimmaginabile e invisibile ai nostri occhi, ma che ? diventata uno dei grandi motori della conoscenza e del progresso del ?900. ? la velocit? maneggiata dalla scienza regina del secolo scorso, la Fisica.
Parte da qui il racconto che l?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare presenta nel contesto artistico e storico della mostra ?Il mito della velocit?. Arte, Motori e Societ? nell?Italia del ?900?: racconto delle velocit? estreme e del colossale salto in avanti che la scienza del ?900 ha compiuto manipolandole e riproducendole. Velocit? insuperabili come la luce, relativistiche come quelle delle particelle emesse dagli atomi radioattivi, o dei i raggi cosmici che ci portano notizie sull?origine dell?Universo. Straordinari risultati, per cui lungo l?intero secolo spesso ? stato essenziale il contributo dei fisici italiani.
Una suggestiva narrazione video racconta i ?mitici? anni ?30 di Enrico Fermi, che per primo, senza saperlo divide il nucleo dell?atomo, e di Bruno Rossi, che a Firenze riesce a ?fotografare? le particelle che piovono dal cosmo nell?atmosfera terrestre. I fisici aprono cos? il vaso di Pandora del mondo subatomico che consente di gettare uno sguardo alle leggi fondamentali dell?Universo. Dopo la guerra questa nuova scienza produce sempre di pi? e pi? in fretta dati, informazioni, numeri da trattare, archiviare, elaborare. Una nuova velocit? si affaccia allora sulla scena del secolo: quella dei primi computer che si costruiscono, anche in Italia, a Pisa, su impulso dei fisici, che vogliono rispondere alla ?fame computazionale? della ricerca scientifica e dell?industria del boom economico. Componenti hardware e modelli vengono riproposti oggi in una sorta di ?archeologia? di quelle pionieristiche tecnologie.
Ma negli stessi anni continua anche la corsa ad ?addomesticare? la velocit? della materia e dei suoi costituenti fondamentali, le particelle elementari, accelerandole con macchine sempre pi? potenti, per scoprirne i segreti. Dopo il primo elettrosincrotrone italiano, sulle colline di Frascati, il neonato Istituto Nazionale di Fisica Nucleare costruisce nel 1961 un acceleratore di particelle cos? innovativo da rappresentare un modello per il mondo intero. ? ADA, il primo collisole al mondo di materia e antimateria, progenitore delle enormi macchine acceleratici, costruite al Cern di Ginevra da grandi collaborazioni internazionali. Pezzi originali e prototipi di componenti di un moderno acceleratore evocheranno nel percorso della mostra le grandi imprese della fisica di fine secolo.
Ma accelerare le particelle ? accelerare la capacit? di maneggiare l?immensa mole di nuovi dati prodotti. Il pendolo tra queste due spinte innovative non si ferma e le suggestioni visive e sonore dell?ultima sala (a cura di Gian Luca Beccari e COA di Bologna) della mostra ci consentono di lanciare uno sguardo sul futuro imminente. Quello in cui sar? accesa la pi? grande macchina del pianeta, l?acceleratore di particelle LHC che sta per essere completato a Ginevra e quello di GRID, una rete di calcolatori planetaria in grado gi? oggi di elaborare l?immensa quantit? di dati dei prossimi esperimenti. E domani promette alla ricerca, all?industria e alla societ? di calcolare e conoscere sempre pi? velocemente.


Contatti per i giornalisti
Istituto Nazionale Fisica Nucleare
Ufficio comunicazione
tel:06 6868162; 347 2994985
e-mail: comunicazione@presid.infn.it


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://www.palazzoesposizioni.it/

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana