GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  05-06-2008: RICERCATORE DELL’INFN INVENTA IL DOPING PER GLI ACCELERATORI DI PARTICELLE 
 ELENCO COMPLETO 

© Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto č gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN


Un ricercatore dei Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN, Pantaleo Raimondi, ha messo a punto una tecnica per superare i limiti degli attuali acceleratori di particelle. I primi test sperimentali eseguiti nei laboratori di Frascati sono molto positivi e sono seguiti in tutto il mondo con grande interesse. Da qui potrebbe nascere una nuova generazione di macchine, molto piů efficienti e piů ecologiche, per studiare l’infinitamente piccolo.

Hanno dato risultati positivi i primi test realizzati a Frascati della nuova tecnica messa a punto da un ricercatore dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Pantaleo Raimondi. I test, seguiti con grande attenzione dai principali laboratori di fisica del mondo, potrebbero portare alla nascita di nuovi acceleratori di particelle, le macchine che la scienza utilizza per esplorare le strutture fondamentali dell?Universo.
Grazie alla tecnica messa a punto da Raimondi, infatti, dovrebbe essere possibile aumentare dieci volte l?efficienza degli acceleratori diminuendo notevolmente l?energia necessaria.
Insomma, si apre la possibilit? di ?dopare? le macchine esistenti e di crearne delle nuove molto pi? potenti e capaci di rispondere ai grandi misteri della natura di tutte le cose, misteri a cui gli scienziati non riescono ancora a dare risposta.
Negli acceleratori dove si scontrano fasci di particelle ? come ad esempio LHC, la gigantesca macchina che verr? inaugurata in ottobre al laboratorio europeo del CERN di Ginevra ? le tecnologie hanno gi? raggiunto il massimo di particelle che si possono inserire in ogni fascio. E si possono cos? avere solo una certa quantit? di scontri (che permettono di studiare le strutture profonde dell?Universo) in un certo tempo su un certa superficie.
Pantaleo Raimondi ha per? sviluppato una tecnica gi? nota, l?incrocio a X dei fasci, l?ha modificata, e l?ha adattata agli acceleratori dove le particelle collidono. Per fare questo ha modificato la macchina DAFNE (scritto con la phi greca) dei Laboratori di Frascati ? dove dirige la Divisione Acceleratori ? arrivando in soli due anni dall?idea alla realizzazione concreta: con la stessa energia di prima la macchina DAFNE pu? vedere ora molti pi? scontri, cio? pi? eventi. Ha aumentato, come dicono i fisici, la propria ?luminosit?.
?Abbiamo dovuto modificare il 50 per cento dell?acceleratore ? spiega Pantaleo Raimondi - I vantaggi del nuovo sistema li abbiamo visti immediatamente: la luminosit? ? subito cresciuta di un fattore 1,5 ed ? solo l?inizio. Certo, ora la nuova configurazione di DAFNE ? quella di una utilitaria che corre come una Ferrari. In questo momento DAFNE ? la terza macchina al mondo come luminosit? assoluta, con, per?, una energia molto inferiore alle altre e quindi con un rapporto altissimo tra luminosit? ed energia?.
?A livello mondiale c?? molta attenzione e attesa per i risultati che stiamo avendo a Frascati ? spiega il presidente dell?INFN, professor Roberto Petronzio ? I primi test ci dicono che siamo sulla strada giusta. Ora stiamo pensando di realizzare anche una macchina per studiare la presenza virtuale delle particelle pesanti che potrebbe produrre LHC nelle basse energie. E? un compito scientifico fondamentale, una ricerca complementare a quella che far? l?acceleratore LHC a Ginevra. Vogliamo costruire una ?b factory?, una machina che produca enormi quantit? di quark b e ora possiamo farne una che avr? una luminosit? 100 volte maggiore delle uniche due esistenti al mondo, quella di SLAC, in California (che ha appena esaurito la sua ricerca) ed quella di Kek in Giappone?.
Per Roberto Petronzio, inoltre, utilizzando ?la b factory pu? essere l?innesco per l?evoluzione del nuovo laser a elettroni liberi che si vuole costruire tra Frascati e Tor Vergata, a sud di Roma, e che potrebbe diventare il laser pi? potente del mondo assieme a quello di Desy, in Germania. Si tratterebbe di un supermicroscopio in grado di dare un contributo fondamentale nelle ricerche in biologia molecolare, genetica e in medicina?.

Contatti per i media

Pantaleo Raimondi
Tel. 06 94038099
cell. 329 9412828
Email: pantaleo.raimondi@lnf.infn.it


INFN Ufficio Comunicazione
Romeo Bassoli
capo ufficio stampa
tel: 39.066868162 cell: 328 6666766
e-mail: romeo.bassoli@presid.infn.it

Eleonora Cossi
ufficio stampa
tel: 39. 066868162
e-mail: eleonora.cossi@presid.infn.it


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana