GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  27-06-2008: L'UNIVERSO è PIù BUIO 
 ELENCO COMPLETO 
L'esperimento Magic sul cratere del vulcano Taburiente (2250 m.s.l.) a La Palma, Isole Canarie (Spagna)
L'esperimento Magic sul cratere del vulcano Taburiente (2250 m.s.l.) a La Palma, Isole Canarie (Spagna)



Scienziati italiani con il telescopio Magic hanno rivelato la più lontana sorgente di raggi gamma mai osservata. Questo avvistamento ha permesso di capire che l'Universo è meno luminoso di quanto si pensasse

? raddoppiato l'orizzonte delle nostre esplorazioni di sorgenti di raggi gamma nell'Universo. L'"occhio" del telescopio internazionale Magic (Major Atmospheric Gamma-ray Imaging Cherenkov) ? riuscito a vedere l? dove nessun altro esperimento era riuscito ad arrivare prima, rivelando un buco nero distante dalla Terra circa 6 miliardi di anni luce, la met? del raggio dell'intero Universo. Questo buco nero diviene cos? la sorgente di raggi gamma di altissima energia pi? lontana che sia mai stata osservata. L'importante risultato, al quale hanno collaborato l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e l'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), sar? pubblicato domani sulla rivista Science.

Il buco nero avvistato da Magic si trova al centro della galassia 3C279: si tratta di un oggetto supermassiccio (la cui massa ? circa un miliardo di volte quella del Sole), che si accresce continuamente fagocitando la materia della galassia circostante. Durante questo processo emette raggi gamma di altissima energia, cio? fotoni come quelli che compongono la luce visibile, ma oltre cento miliardi di volte pi? energetici di essi.

"Riuscire a rivelare la radiazione gamma proveniente da una sorgente cos? lontana ? un risultato molto importante perch? sfida le attuali teorie sulla "densit?" della luce", spiega Alessandro De Angelis, responsabile nazionale dell'esperimento Magic, ricercatore dell'Infn e professore all'Universit? di Udine. "Infatti, il flusso dei fotoni che compongono i raggi gamma - prosegue De Angelis - pur essendo molto energetico ?, per?, attenuato dall?interazione diretta con i fotoni di energia molto pi? bassa che costituiscono il fondo luminoso extragalattico. Perci?, se siamo riusciti a vedere una sorgente cos? lontana, questo significa che l?Universo ? pi? buio di quanto avevamo pensato finora e quindi anche molto pi? "trasparente" ai raggi gamma, perch? il fondo luminoso influenza meno del previsto la radiazione gamma di alta energia".

"Lo studio di questo fondo luminoso extragalattico ? di grande interesse - spiega inoltre Marco Salvati, coordinatore del gruppo dell'Inaf che lavora all'esperimento - perch? ci d? informazioni sulla storia della produzione della luce durante l'evoluzione dell'Universo. Una storia che ? intimamente legata alla nascita e allo sviluppo di stelle e galassie".

Il risultato di Magic, quindi, conferma ancora una volta il ruolo fondamentale che gioca lo studio della radiazione gamma nella comprensione del nostro universo e della fisica fondamentale in condizioni estreme di gravit? ed energia.

Perch? studiare i raggi gamma
Rappresentano la radiazione di pi? alta energia mai osservata e sono generati durante i pi? violenti fenomeni cosmici, quali per esempio le esplosioni di supernova, i gamma ray bursts (o lampi gamma) e l?accrescimento dei buchi neri al centro delle galassie, come nel caso della sorgente avvistata da Magic. I fotoni gamma forniscono notizie preziose sui processi che li hanno generati perch? non subiscono deviazioni da parte dei campi magnetici (come accade invece per i raggi cosmici dotati di carica) e giungono quindi sulla Terra conservando integra l'informazione sulla loro origine. Cos? possono essere utilizzati per la moderna fisica astroparticellare e l?astronomia e, dal momento che queste particelle viaggiano per distanze comparabili con il raggio dell'Universo, esse danno informazioni importanti anche per la fisica fondamentale e per la cosmologia.
Che cos'? Magic
Magic, in funzione dal 2004, ? un telescopio per raggi gamma allestito all?Osservatorio del Roque de los Muchachos sull'isola di La Palma, nell?arcipelago delle Canarie. ? frutto di una collaborazione internazionale che comprende circa 150 ricercatori provenienti da Germania, Italia, Spagna, Svizzera, Polonia, Finlandia, Bulgaria e Stati Uniti. Per l'Italia partecipano l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare con i gruppi di Padova, Siena e Udine, coordinati rispettivamente da Mos? Mariotti, Riccardo Paoletti e Barbara De Lotto, i dipartimenti di fisica delle Universit? di Padova, Siena e Udine, e il gruppo dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, coordinato da Marco Salvati.
Magic ? costituito da uno specchio di 17 metri di diametro e rappresenta il pi? grande telescopio per radiazione gamma esistente. Riesce a rivelare i raggi gamma cogliendo i brevi lampi di luce che si producono quando essi attraversano l'atmosfera terrestre (luce Cherenkov). La capacit? di Magic raddoppier? a settembre, quando sar? inaugurato un secondo telescopio gemello a fianco del primo.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://magic.fisica.uniud.it/

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: è l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana