GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  22-04-2009: IL TELESCOPIO PIù GRANDE AL MONDO RADDOPPIA 
 ELENCO COMPLETO 
I telescopi gemelli Magic I e Magic II all
I telescopi gemelli Magic I e Magic II all

© Robert Wagner

PDF
INFN-Magic.pdf


Inizierà la sua attività il 25 aprile l'esperimento Magic II, dedicato allo studio dei raggi gamma che provengono dall'universo profondo

Sar? acceso per la prima volta 25 aprile, all'Observatorio del Roque de Los Muchachos sull'isola di La Palma alle Canarie, il secondo telescopio dell'esperimento Magic (Major Atmospheric Gamma Imaging Cherenkov telescope). Dedicato allo studio dei raggi gamma, il telescopio ? frutto di una collaborazione internazionale, alla quale l'Italia ha fornito un fondamentale contributo con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e le Universit? di Padova, Siena e Udine.

"Il secondo 'occhio' permetter? al telescopio Magic di aumentare notevolmente la sua sensibilit? e si apriranno nuovi scenari per le nostre conoscenze sull'universo, in particolare - spiega Alessandro De Angelis, responsabile per l'INFN dell'esperimento Magic e professore all'Universit? di Udine - si spera di poter osservare segnali della materia oscura, che sappiamo costituire la maggior parte della materia presente nell'universo e governarne il destino, ma di cui non conosciamo ancora la natura".

L'esperimento Magic ? costituito da una coppia di telescopi parabolici per lo studio dei raggi gamma di altissima energia (Magic I in funzione dal 2003, Magic II operativo da oggi) che, con i loro 17 metri di diametro e gli oltre 240 mq di superficie riflettente ciascuno, rappresentano attualmente i pi? grandi dispositivi astronomici a specchio al mondo. Inoltre Magic, che dei quattro grandi telescopi gamma esistenti ? quello che 'vede pi? lontano', non solo monitora in modo indipendente il cielo, ma ? anche in comunicazione con i satelliti spaziali. Quando uno dei rivelatori posti su satellite avvista un lampo gamma, ne comunica immediatamente a terra le coordinate: Magic ? in grado posizionarsi nella direzione di provenienza della radiazione in meno di 30 secondi.

I raggi gamma sono fotoni, come quelli che compongono la luce visibile, ma molto pi? energetici. Ci sono due possibilit? di osservarli: si possono collocare i rivelatori su satelliti in orbita nello spazio cos? da rivelarli prima che interagiscano con l'atmosfera terrestre. Oppure, si costruiscono rivelatori a terra che sfruttano, come Magic, il cosiddetto 'effetto Cherenkov', dovuto all'interazione dei raggi gamma con l'atmosfera. L'interazione genera uno sciame di particelle e alcune di queste, viaggiando a velocit? superiore a quella della luce nell'aria, producono un debole lampo che dura appena 2-3 nanosecondi (miliardesimi di secondo) a terra. Magic ? in grado di raccogliere e focalizzare questa luce grazie alle centinaia di specchi che lo compongono, tutti allineati da un sistema di puntamento laser, e quindi di 'fotografarla' per mezzo di una telecamera che ha una risoluzione temporale inferiore al nanosecondo. Per riuscire a cogliere la debole luce ? necessario che le condizioni del cielo siano ottimali: ecco perch? i telescopi Magic sono collocati a oltre 2200 metri di altitudine, sulla cima del vulcano Taburiente sull'isola di La Palma, alle Canarie. Qui, l'inquinamento luminoso ? davvero bassissimo (l'osservatorio si trova al centro di una riserva naturale) e le condizioni atmosferiche sono per la maggior parte dell'anno molto buone, perch? le perturbazioni viaggiano a quote inferiori rispetto alla cima del vulcano.

Dall'analisi del segnale registrato, i ricercatori riescono poi a ricavare preziose informazioni sui raggi gamma che lo hanno prodotto e quindi sulle loro sorgenti.
"I raggi gamma possono essere utilizzati come preziose fonti di informazione per la fisica astroparticellare, l'astrofisica e l'astronomia - spiega Marco Salvati, ricercatore senior dell'Inaf che lavora all'esperimento Magic fin dal suo inizio- fornendo cos? un importante contributo alle conoscenze di fisica fondamentale e di cosmologia". "I fotoni gamma - prosegue Salvati - non sono soggetti ai campi magnetici e quindi riescono ad arrivare sulla Terra conservando integra l'informazione sui processi che li hanno generati. Sono prodotti da eventi straordinariamente energetici che avvengono in situazioni particolari nel nostro universo: collassi gravitazionali e onde d'urto che si verificano in prossimit? di buchi neri durante il loro accrescimento, resti di supernovae, Gamma Ray Bursts (Grb) cio? violente emissioni di raggi gamma di altissima energia che durano pochi attimi e di cui non si ? ancora compresa a fondo la natura".

Gi? una quarantina di lavori sono stati pubblicati sulle principali riviste scientifiche internazionali dalla collaborazione internazionale Magic, della quale fanno parte circa 150 ricercatori provenienti da una decina di Paesi, tra i quali Italia, Germania e Spagna svolgono un ruolo di primo piano. In particolare, l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e l'Istituto Nazionale di Astrofisica italiani hanno realizzato la superficie riflettente e gran parte del software e dell'elettronica per l'acquisizione dati. "Non ? solo la ricerca fondamentale a trarre vantaggio dalla costruzione di dispositivi come Magic - sottolinea De Angelis - perch? le tecnologie sviluppate per rispondere alle esigenze della ricerca di base producono anche importanti ricadute in altri ambiti. Come nel caso, per fare un esempio, delle tecniche di raccolta dati e di analisi delle immagini che trovano poi applicazione nella fisica medica e in radiologia".


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 
http://wwwmagic.mppmu.mpg.de/

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: è l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana