GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  27-11-2009: FERMI: CYGNUS č UN MICROQUASAR 
 ELENCO COMPLETO 
Cygnus X-3 visto da Fermi/Lat
Cygnus X-3 visto da Fermi/Lat

© Nasa


Lo strumento italiano Lat della sonda Nasa conferma i dati di AGILE

La sorgente Cygnus X-3 continua a essere al centro dell?attenzione. Dopo la pubblicazione online dei dati del satellite italiano AGILE sulla rivista Nature, adesso tocca al Large Area Telescope a bordo del satellite della NASA Fermi, missione che vede una importante partecipazione dell?Agenzia Spaziale Italiana (ASI), dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Sulla versione online della rivista Science disponibile oggi, Fermi-Lat, oltre a confermare quanto osservato da AGILE, aggiunge la prova definitiva dell?identit? della sorgente: la sua firma temporale. Dopo essere stato in lista d?attesa per piu' di 30 anni, Cygnus X-3 e' dunque il primo microquasar identificato con certezza come sorgente di raggi gamma di alta energia.
Cygnus X-3 e' una brillante sorgente X nella costellazione del Cigno, scoperta alla fine degli anni ?60 del secolo scorso. L?emissione X e' modulata con un periodo di 4,8 ore, un dato che indica la natura binaria del sistema responsabile dell?emissione. Un oggetto compatto, vuoi una stella di neutroni, vuoi un buco nero, produce radiazione X accrescendo materia da una stella di tipo Wolf Rayet, una stella molto piu' giovane, piu' grande e molto piu' calda del nostro Sole, dotata di un poderoso vento stellare. Proprio il vento stellare nutre la sorgente X, accumulandosi ordinatamente in un disco di accrescimento che ruota intorno all?oggetto compatto.
Fino a qui sarebbero le caratteristiche tipiche di un sistema binario che emette radiazione X. Cygnus X-3 ha un caratteristica veramente unica: di tanto in tanto produce spettacolari eventi di emissione radio, durante i quali puo' diventare la sorgente radio pi? brillante del cielo. Questi fuochi d?artificio radio, che dimostrano che la sorgente compatta e' capace di accelerare particelle in modo molto efficace, hanno fatto classificare la sorgente come un microquasar, una versione ridotta e casalinga dei "mostri" del cielo (detti appunto quasar) che si trovano nel centro di lontane galassie.
Visto che quando ci sono particelle accelerate a grandissime energie e' possibile che si produca radiazione gamma, per gli astronomi gamma Cygnus X-3 e' sempre stato nella lista di sorgenti da tenere d?occhio, ma per trent?anni si e' assistito a un susseguirsi di rivelazioni e di smentite. Dovevano arrivare gli strumenti gamma di nuova generazione che sono oggi operativi per avere una risposta.
Pochi giorni fa, AGILE ci ha detto che nei periodi immediatamente precedenti agli eventi radio, mentre la sorgente sta preparando le sue munizioni, si vede emissione variabile di alta energia. Oggi Fermi usa la sua maggiore sensibilita' per andare oltre la semplice rivelazione della sorgente, dimostrandoci che l?emissione gamma varia mentre l?oggetto compatto ruota intorno alla stella compagna. Oltre a seguire l?attivita' sporadica di accelerazione di particelle, il flusso gamma e' modulato al periodo orbitale di 4,8 ore, la firma inconfondibile della sorgente che ci da' la sicurezza assoluta che il responsabile dell?emissione e' proprio Cygnus X-3.
?Grazie agli strumenti a nostra disposizione, il mistero di Cygnus X-3 e' in gran parte risolto?, dice Patrizia Caraveo, responsabile INAF per lo sfruttamento scientifico dei dati della missione Fermi. ?Certo e' quasi incredibile che dopo avere pazientato per piu' di 30 anni, nell?arco di una settimana la sorgente compaia due volte sulle pagine dei maggiori giornali scientifici del mondo, prima a opera di un satellite italiano e ora grazie a un satellite NASA con una importante partecipazione italiana. Si direbbe una sorgente made in Italy?
?La grande sensibilita' di Fermi, dovuta ai sofisticati e innovativi strumenti costruiti con un contributo decisivo dell'Italia - sottolinea anche Ronaldo Bellazzini, responsabile per l'INFN dell'esperimento Fermi - ha permesso, in pochi mesi di osservazione di Cygnus X-3, di misurare con precisione il periodo orbitale del mini buco nero nel suo viaggio attorno alla sua immensa stella compagna. Cygnus X-3 e' il primo esempio di 'quasar' galattico le cui caratteristiche sono state misurate con grande attendibilita'?.
?Insieme, questi due risultati sono un premio per quasi 15 anni di impegno e investimenti italiani nella fisica delle alte energie, a partire dal satellite BeppoSAX? commenta Enrico Flamini, responsabile dei programmi di osservazione dell?Universo dell?ASI. ?AGILE si conferma una missione assolutamente competitiva, capace di contribuire in modo determinante allo studio dei fenomeni pi? violenti dell?Universo, mentre FERMI deve buona parte dei suoi eccellenti risultati a tecnologie nate in Italia, oltre che al lavoro dei nostri scienziati?.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana