GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  18-02-2010: CAMPI MAGNETICI A CAVATAPPI NEL GETTO DELLA GALASSIA 3C279 
 ELENCO COMPLETO 
Rappresentazione artistica dei getti nella galassia3C279
Rappresentazione artistica dei getti nella galassia3C279

© Nasa




250 scienziati, 20 telescopi, a terra e nello spazio, e un anno di lavoro.
Tutto cio' per seguire il comportamento della galassia 3C279.
Obiettivo: conoscere da dove avesse origine l?emissione gamma della galassia, emissione rivelata dal satellite Fermi della NASA, che conta su una importante partecipazione italiana.
La risposta e' stata sorprendente. I raggi gamma si formano lontano dal buco nero centrale in regioni dei getti dove i campi magnetici si avvolgono a cavatappi.

Piu' della meta' delle sorgenti di raggi gamma celesti osservate dal telescopio Fermi appartengono a una particolare classe di galassie. Gli astrofisici le chiamano galassie attive per sottolineare il fatto che si danno molto piu' da fare delle altre, quelle ?normali? decisamente piu' pigre. Nelle galassie attive il buco nero centrale e' in piena attivita', accresce materia trasformandola in energia che poi espelle, in parte, convogliandola in due getti popolati da particelle accelerate a velocita' vicine a quella della luce. Come risultato, le galassie attive sono molto piu' brillanti delle altre galassie. In piu' sono volubili e la loro emissione e' molto variabile: brillanti un giorno, deboli un altro, come se il motore che le alimenta potesse accendersi e spegnersi. Per capire meglio il comportamento del motore, sappiamo che dobbiamo concentrarci sui getti, perche' l?emissione gamma e' prodotta dalle particelle accelerate che si muovono sotto il controllo dei campi magnetici, ma non sappiamo in quale regione dei getti avvenga l?emissione. Vicino al buco nero, dove l?energia e le particelle sono piu' concentrate, o lontano, dove la particelle sono in un ambiente piu' rarefatto?

Per capire il funzionamento delle galassie attive e' necessario seguire i loro capricci, sfruttando tutte le finestre di osservazione disponibili: in radio, in ottico, nei raggi X e nei raggi gamma. Per riuscire nell?intento occorre coordinare il funzionamento di telescopi a terra e di strumenti spaziali. Uno sforzo che diventa tanto piu' difficile quanto maggiore e' il numero di strumenti che partecipano alla campagna osservativa. Mentre il telescopio gamma Fermi osserva continuamente tutto il cielo, tutti gli altri strumenti devono puntare il particolare oggetto che si vuole studiare. Per di piu', se si vuole seguire il comportamento di una sorgente 24 ore al giorno un solo telescopio ottico non basta. Per avere copertura giorno e notte occorrono telescopi sparsi sui diversi continenti con ridondanze che permettano di non avere dei ?buchi? nel caso un osservatorio sia reso inservibile dal cielo nuvoloso. E? la filosofia del GASP-WEBT che da Torino coordina decine di telescopi grandi e piccoli sparsi su tutto il mondo. "Sono ormai piu' di dieci anni che svolgiamo questo monitoraggio dalla luce visibile alle onde radio, con risultati sorprendenti; ma solo ultimamente, unendo i nostri dati con quelli dei satelliti gamma, possiamo confermare le nostre teorie e fare nuove eccezionali scoperte", afferma Massimo Villata, presidente della collaborazione.

Sforzi osservativi cos? massicci non possono essere fatti tutti i giorni su tutte le centinaia di galassie attive rivelate nel catalogo Fermi. Bisogna selezionare qualche sorgente molto promettente da seguire con pazienza e determinazione.

Ed e' questo il caso di 3C279, una galassia attiva con una storia di estrema variabilita' in raggi gamma che e' nell?elenco dei sorvegliati speciali. Durante il primo anno di attivita' di Fermi e' stata organizzata una grande campagna osservativa per studiare la sorgente in contemporanea a tutte le lunghezze d?onda. 250 scienziati hanno usato 20 telescopi a terra e nello spazio.

?3C279 e? un oggetto ben noto che per anni si e' rivelato come la sorgente piu' brillante nel cielo gamma extragalattico? spiega Paolo Giommi, responsabile del centro dati scientifici ASDC dell?ASI. ?Ora, sebbene abbia dovuto cedere il suo primato a 3C454.3, una sorgente con caratteristiche simili, 3C279 sta fornendo importanti indizi che, grazie allo sforzo congiunto di tanti scienziati, stanno facendo compiere passi significativi verso la comprensione di questi fenomeni?.

I risultati piu' interessanti e piu' inaspettati sono emersi dal confronto dei dati gamma con quelli ottici. In un momento di grande attivita' gamma si e' visto un importante cambiamento nell?emissione ottica. L?angolo di vibrazione della radiazione ottica e' cambiato improvvisamente, segno che doveva essere variata la direzione di moto delle particelle, quindi, la direzione del campo magnetico. ?I dati ottici ci mostrano un campo magnetico avvolto intorno al getto che agisce come un cavatappi, strappando le particelle dal buco nero e convogliandole lontano, fino a quando non trovano le condizioni ideali per emettere la radiazione che poi noi riveliamo? dice Patrizia Caraveo, responsabile per INAF dello sfruttamento scientifico dei dati Fermi. ?Non ci aspettavamo proprio che l?emissione piu' energetica delle galassie attive venisse da regioni dei getti cos? distanti dal buco nero. Sarebbe stato ragionevole aspettarsi il contrario, ma chi ha detto che le galassie debbano essere ragionevoli?? conclude Caraveo.

"Le osservazioni di 3C279 - sottolinea Ronaldo Bellazzini, responsabile per l'Infn dell'esperimento Fermi - dimostrano chiaramente che non solo e' importante monitorare queste sorgenti a tutte le lunghezze d'onda, ma anche che e' estremamente utile correlare le informazioni spaziali e spettroscopiche con quelle polarimetriche che sono, a loro volta, un potente strumento per risolvere la configurazione geometrica dei potentissimi campi elettromagnetici e gravitazionali che circondano oggetti compatti come i buchi neri".


FERMI (gia' GLAST, Gamma-Ray Large Area Telescope) e' una missione internazionale ideata con lo scopo di esplorare il cielo ad altissime energie. Si tratta di un telescopio spaziale in grado di rivelare fotoni nel range gamma che va da 30 MeV ad 300 GeV. L?osservatorio spaziale Fermi, lanciato l?11 giugno 2008 con un Delta II, e' una missione NASA con ampia collaborazione internazionale (Italia, Giappone, Francia, Svezia). Dopo l?attivazione in orbita, la missione e' stata dedicata ad Enrico Fermi ed e' ora nota come Fermi Gamma-Ray Telescope. La partecipazione Italiana alla missione Fermi si articola su un importante contributo di INFN e ASI alla progettazione e costruzione del tracker del LAT, e sulla gestione della missione in orbita e sull?analisi scientifica dei dati, compiti ai quali contribuiscono INAF, INFN ed ASI-ASDC.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana