GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  19-02-2010: UNA TORRE GIGANTESCA IN FONDO AL MARE PER SCRUTARE I CONFINI DEL COSMO 
 ELENCO COMPLETO 

� Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto � gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Una torre alta 600 metri e' ora ancorata a duemila metri di profondita' al largo della Sicilia: e' il primo passo verso la costruzione del telescopio sottomarino KM3 che osservera' i neutrini, messaggeri dell'Universo violento e provenienti dai luoghi piu' remoti del cosmo. Si e' conclusa cosi' brillantemente la fase 2 del progetto Nemo, l'osservatorio sottomarino per i neutrini dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Alle 4:00 del 14 febbraio sono state completate le operazioni necessarie per installare sul fondo del mare, a piu' di duemila metri di profondita', a largo di Catania, una torre, alta circa il doppio della Tour Eiffel, che e' stata calata dalla Nave Certamen in una operazione che durata 10 ore. Le operazioni sono state 2monitorate2 e filmate da un robot sottomarino in dotazione all'INFN.
Il progetto Nemo, a cui partecipano circa 80 ricercatori italiani, ha come obbiettivo la progettazione, realizzazione e validazione di prototipi dei componenti chiave per un progetto internazionale ancora piu' ambizioso: il telescopio sottomarino KM3 (chilometro cubo).
Il successo delle operazioni di posa e apertura della torre Nemo, adottata anche dalla comunita' internazionale come modulo base del telescopio KM3 da installare nel Mediterraneo, ha costituito un'importante verifica del progetto e apre la strada alla fase di costruzione.

Come funziona
La struttura di Nemo 2 e' tenuta in posizione verticale da una boa di superficie. Sulla torre si trovano 80 sensori che hanno il compito principale di fotografare i lampi prodotti nei processi di interazione con l'acqua dai neutrini di altissima energia. Queste particelle provengono da zone remote dell'Universo, attraversano la Terra e "sbucano" dal fondale marino per continuare la loro corsa. Gli 80 sensori identificheranno i neutrini registrando i piccoli lampi causati da particelle (i muoni) generate dall'impatto dei neutrini con l'acqua. Grazie al successo delle operazioni di posa e apertura della torre Nemo, una torre completamente equipaggiata sara' presto installata a 3500 m di profondit presso la stazione sottomarina di Capo Passero e inviera' i dati raccolti alla stazione di terra tramite un cavo elettro-ottico di 100 km gia' in funzione.

Dagli abissi alle galassie
I neutrini raggiungono la Terra (e la attraversano) dai confini piu' remoti del cosmo interagendo pochissimo con la materia e senza subire, in quanto particelle neutre, deflessioni causate da campi magnetici. Sono i messaggeri piu' penetranti dell'Universo "violento", la chiave per svelare il mistero dell'origine dei raggi cosmici, una pioggia di particelle cariche che bersagliano continuamente la Terra con energie che si estendono sino a energie milioni volte pi elevate di quelle ottenute da LHC (l'acceleratore piu' potente al mondo).
Il telescopio ci dara' importanti informazioni sia su sorgenti lontanissime quali Galassie con Nuclei Attivi, Quasars o Lampi di raggi gamma che gli scienziati ritengono essere all'origine dei neutrini di alta energia, sia su possibili sorgenti presenti nella nostra galassia.

Una infrastruttura di ricerca multidisciplinare
Il telescopio costituira' inoltre un'importante struttura di ricerca multidisciplinare che permetter l'installazione a profondita' abissali di stazioni di "early warning" per il monitoraggio di tsunami e di stazioni per il monitoraggio sismico. L'infrastruttura permettera' inoltre lo studio della presenza di mammiferi marini e di altre specie reso possibile da un sistema di rilevamento acustico che funzionera' di continuo e in tempo reale. Saranno inoltre acquisiti i parametri oceanografici (temperatura, salinita', correnti) necessari a monitorare l'evoluzione e la qualita' dell'ecosistema marino della Sicilia Orientale.

Il futuro
L'osservatorio KM3 sar installato ad alta profondita' nel Mediterraneo, luogo privilegiato per l'osservazione dei neutrini provenienti dall'emisfero Sud. In particolare, il telescopio vedra' il Centro Galattico e una frazione importante del Piano Galattico in cui sono state individuate numerose sorgenti come possibili candidati per l'emissione di neutrini di alta energia. Il sito di capo Passero, in Sicilia, tra i luoghi candidati ad ospitare, in tutto o in parte, KM3. Oltre all'ampio plateau a 3500 metri di profondita' presenta caratteristiche ottimali dell'acqua come l'estrema trasparenza e l'assenza di bioluminescenza.

Per contatti:
Emilio Migneco, Laboratori Nazionali del Sud dell'INFN, Catania
e-mail: migneco@lns.infn.it

Eleonora Cossi
Ufficio comunicazione
Istituto Nazionale Fisica Nucleare
tel: 39.066868162,
e-mail: eleonora.cossi@presid.infn.it
Skype: eleonora_infn


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dellUniverso
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELLINFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: lIstituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELLUNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana