GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  02-03-2010: PRIMO SGUARDO AL CENTRO DELLA TERRA DALLE VISCERE DEL GRAN SASSO  
 ELENCO COMPLETO 

Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Una nuova dimostrazione della straordinaria qualita'  della ricerca in Italia. L'esperimento Borexino ai Laboratori sotterranei del Gran Sasso dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ha visto in modo certo, per la prima volta al mondo, particelle provenienti dall'interno della Terra, la'  dove si forma il calore del nostro pianeta. Lo studio viene pubblicato dal sito scientifico online arXiv.org.
I ricercatori di Borexino (provenienti da istituti italiani, americani, tedeschi, russi e polacchi) coordinati dal professor Gianpaolo Bellini, dell'INFN di Milano, hanno visto per la prima volta con l'esperimento situato nei Laboratori del Gran Sasso, i "geoneutrini". Cioe' gli antineutrini (la piu' piccola e elusiva particella di antimateria) provenienti dall'interno del nostro pianeta. Queste leggerissime particelle ci dicono che migliaia di chilometri sotto la crosta terrestre, degli elementi radioattivi come l'uranio si trasmutano (decadono) e producono enormi quantita' di quel calore che muove i continenti, scioglie le rocce e le trasforma in magma e lava per i vulcani.
Tramite i geoneutrini, gli scienziati dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare hanno la prova che questa radioattivita'  sia una delle principali fonti di energia del pianeta, anche se probabilmente non l'unico combustibile della fucina che produce le decine di migliaia di miliardi di Watt che scaldano la Terra.
Viene tra l'altro smentita la teoria secondo la quale al centro della Terra vi sarebbe un enorme reattore nucleare che da solo scalda il pianeta.
Con esperimenti come Borexino si potra'  determinare la quantita'  di Uranio presente sulla Terra, e magari identificare preziosi giacimenti di combustibili nucleari.
In precedenza, ricercatori giapponesi avevano intravisto dei segnali che erano indicazione dei geoneutrini, ma i loro rivelatori, troppo vicini alle centrali nucleari, erano disturbati dagli antineutrini provenienti da queste.
Solo ai Laboratori del Gran Sasso, distante almeno 500 km dalla piu' vicina centrale nucleare, si e' potuto avere un segnale genuino della radioattivita'  naturale della Terra. Inoltre il livello di radiopurezza di Borexino, mai ottenuto da nessuno fino ad ora, ha fortemente contribuito a questo successo.
Per il professor Gianpaolo Bellini "Questa scoperta apre una nuova era nello studio dei meccanismi che governano l'interno della Terra. Uno studio esteso dei geoneutrini in vari punti della terra- continua Bellini - dara'  la possibilita'  di avere informazioni piu' precise sul calore prodotto nel mantello terrestre, e quindi sui moti convettivi che sono alla base dei fenomeni vulcanici e dei movimenti tettonici. Il successo di questo studio e' stato reso possibile dalle nuove tecnologie da noi sviluppate al Laboratorio del Gran Sasso, che ci hanno permesso di raggiungere in Borexino livelli di purezza da elementi radioattivi mai raggiunti prima da nessuno, in aggiunta alla lontananza del sito del Gran Sasso da reattori nucleari".

"Gli straordinari risultati dell'esperimento Borexino" afferma Lucia Votano, direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso - premiano anni di intenso lavoro e sono stati possibili grazie alle caratteristiche uniche al mondo del nostro Laboratorio sotterraneo e alla estrema radiopurezza dei materiali utilizzati per l'apparato sperimentale. L'esperimento stava gia'  dando importanti informazioni sul funzionamento interno del sole e adesso ha prodotto la prima misura mondiale dei geoneutrini provenienti dalle profondita'  del nostro pianeta. Ancora una volta i Laboratori del Gran Sasso dimostrano di essere un centro di ricerca di eccellenza nel campo della fisica astro particellare".

"Borexino apre una nuova finestra che ci permette di guardare direttamente all'interno della Terra fino a migliaia di chilometri di profondita' . " dice Giovanni Fiorentini coordinatore di un gruppo ricerca dell'INFN e dell'Universita'  di Ferrara che ha sviluppato i primi modelli teorici per i geoneutrini - Il confronto tra i dati sperimentali e i modelli teorici gettera'  luce sulla composizione chimica e le origini della Terra". Inoltre il livello di radiopurezza di Borexino, mai ottenuto da nessuno fino ad ore, ha fortemente contribuito a questo successo.


Contatti

Referenti scientifici:
Gianpaolo Bellini - Infn Milano
Tel 02 50317370; (cell)3487380622
Gianpaolo.Bellini@mi.infn.it

Aldo Ianni - Infn Milano
cell 339 5893495
aldo.ianni@lngs.infn.it


INFN - Ufficio Stampa
Eleonora Cossi
tel: 06 6868162
eleonora.cossi@presid.infn.it
Skype: eleonora_infn

LNGS - Responsabile Comunicazione
Roberta Antolini
Tel. 0862 437216
roberta.antolini@lngs.infn.it


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dellUniverso
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELLINFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: lIstituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELLUNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana