GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  09-04-2010: SFERA DI CRISTALLO SPIERA'  GLI ATOMI, AIUTERA'  LA MEDICINA 
 ELENCO COMPLETO 

Copyright 2002 INFN L'utilizzo della foto gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN


Frutto di un'ampia collaborazione internazionale, l'apparato Agata viene inaugurato oggi ai Laboratori Nazionali di Legnaro (Padova) dell'INFN. E' un rivelatore per raggi gamma di prossima generazione. Rendera' possibile uno sguardo piu' profondo all'interno del nucleo atomico e aprira' la strada a nuove applicazioni, dall'imaging medico ai controlli di sicurezza.

Frutto di un?ampia collaborazione internazionale, l?apparato Agata viene inaugurato oggi ai Laboratori Nazionali di Legnaro (Padova) dell'INFN. E? un rivelatore per raggi gamma di prossima generazione. Rendera? possibile uno sguardo piu? profondo all?interno del nucleo atomico e aprira? la strada a nuove applicazioni, dall?imaging medico ai controlli di sicurezza.
Una sfera di cristalli per osservare materia evanescente come quella che si forma nel cuore delle stelle. Si chiama AGATA (Advanced Gamma Tracking Array) e il suo dimostratore viene inaugurato oggi ai Laboratori Nazionali di Legnaro (LNL) dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Si tratta di un rivelatore che studiera? la struttura di nuclei atomici molto particolari, osservando i raggi gamma che essi emettono quando decadono. Questi nuclei sono chiamati dai fisici ?esotici? perche?, prodotti in natura nella fucina delle stelle, sono cos? instabili da durare pochissimo, distruggendosi e dando origine alla materia di cui siamo fatti.
Le soluzioni tecnologiche impiegate nell?esperimento potranno anche avere importanti applicazioni pratiche in altri settori. In ambito biomedicale, consentiranno di ottenere immagini a risoluzione molto piu? elevata in esami di diagnostica come la PET.
Una prima sperimentazione di questa nuova tecnologia e? gia? stata realizzata con successo in Gran Bretagna. Inoltre, gli sviluppi di queste tecnologie potranno migliorare l?efficacia dei controlli di sicurezza nella ricerca di materiale radioattivo. All?esperimento partecipano centinaia di ricercatori che provengono da oltre 45 Istituti di ricerca di 13 Paesi europei: Italia, Bulgaria, Danimarca, Germania, Ungheria, Finlandia, Francia, Polonia, Regno Unito, Romania, Spagna, Svezia, Turchia.
Quello che si inaugura oggi e? il ?dimostratore? di Agata: un primo ?spicchio? dello strumento che, una volta ultimato, si presentera? come una sfera di cristalli di germanio del diametro di circa un metro. ?L?inaugurazione - sottolinea Giovanni Fiorentini, direttore dei Laboratori Nazionali di Legnaro - testimonia la centralita? dei nostri Laboratori nel panorama internazionale della fisica nucleare e la dedizione dell'INFN per le frontiere della conoscenza assieme all'attenzione per possibili ricadute a beneficio della societa??.
La cerimonia inaugurale avra? inizio alle ore 14.30 e sara? preceduta alle ore 12.00 da una visita guidata allo strumento dedicata ai giornalisti. Saranno presenti il vicepresidente dell'INFN Graziano Fortuna, il direttore dei LNL Giovanni Fiorentini, il coordinatore della collaborazione AGATA Paul Nolan dell?Universita? di Liverpool, il Rettore dell?Universita? di Padova Giuseppe Zaccaria, il Prefetto di Padova Ennio Mario Sodano, il Sindaco di Padova Flavio Zanonato, il Sindaco di Legnaro Ivano Oregio Catelan. Inoltre partecipera? all?evento una folta delegazione internazionale di rappresentanti degli altri Paesi che partecipano all?esperimento, tra cui Jacques Martino, Direttore dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e Particellare francese (IN2P3), Gabriele Fioni, Vicedirettore per la Ricerca e l?Innovazione del Ministero dell?Istruzione e della Ricerca francese, Sydney Gales, Direttore di GANIL, John Womersley, Direttore del Science Strategy, Science & Technology Facilities Council del Regno Unito, Mats Johnsson, Vicedirettore del Ministero dell?Educazione e della Ricerca svedese.
Approfondimento. I nuclei atomici costituiscono la maggior parte della materia visibile dell?universo, pertanto lo studio della loro struttura e? di fondamentale importanza per capire le forze della natura e come si sono formati gli elementi chimici. I nuclei esotici vengono ?spiati? dagli scienziati osservando i raggi gamma che sono emessi quando questi decadono, dando origine a nuclei piu? stabili. E? proprio questo tipo di studi che ha permesso la comprensione dei fenomeni che avvengono al cuore della materia. E Agata e? il piu? grande sviluppo tecnologico in spettroscopia nucleare degli ultimi 30 anni. E? un progetto di ricerca e sviluppo per realizzare uno spettrometro 4π, cioe? un rivelatore in grado di catturare e segnalare le particelle prodotte nelle reazioni nucleari, in qualsiasi direzione vengano emesse. Il dimostratore di Agata rappresenta la prossima generazione di rivelatori a tracciamento per raggi gamma, le sue prestazioni non sono mai state raggiunte prima d?ora. Consentira? un nuovo approccio allo studio della struttura dei nuclei atomici e sara? impiegato in esperimenti che utilizzano sia fasci di particelle molto stabili, sia fasci di ioni pesanti radioattivi. I suoi ?occhi? saranno costituiti da 180 cristalli esagonali di germanio assemblati in 60 triplette. Agata verra? completato nel corso dei prossimi anni e avra? un enorme impatto sulla comprensione di quei nuclei atomici che hanno valori estremi del numero di protoni e di neutroni, della temperatura e del momento angolare.

Le applicazioni. Le tecnologie e i software sviluppati per il rivelatore Agata potrebbero portare alla realizzazione di strumenti diagnostici come la PET molto piu? efficienti. Un primo passo in questa direzione e? stato compiuto in Inghilterra dove un gruppo di ricercatori sta conducendo un progetto, ProSPECTus, che e? uno spin-out diretto di Agata. ProSPECTus si basa sulla tecnica convenzionale di imaging chiamata ?Compton Camera? ma il prototipo in fase di costruzione premettera? di affinare a tal punto questa tecnica da aumentarne centinaia di volte la sensibilita?. Queste nuove caratteristiche faranno s? che ogni singolo paziente possa essere sottoposto a un esame PET che, pur garantendo una precisione altissima, (cento volte superiore all?attuale), permetta anche di inoculargli una dose di farmaco radioattivo (indispensabile in questo esame) inferiore a quella attualmente usata. Infatti, questa nuova tecnologia consente di identificare per ogni raggio gamma la direzione di provenienza senza il concorso di collimatori. E? come se volessimo sapere che cosa succede nella stanza accanto: un conto e? farlo guardando dal buco della serratura (con un collimatore), molto meglio e? poter aprire la porta (senza collimatore). Con il collimatore si deve cambiare posizione un gran numero di volte per vedere tutti gli angoli. Aprendo la porta si puo? osservare tutta la ?stanza? con un?unica occhiata.



 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana