GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  05-04-2011: AMS, IL CACCIATORE DI ANTIMATERIA, SULLA RAMPA DI LANCIO 
 ELENCO COMPLETO 
AMS al Kennedy Space Center
AMS al Kennedy Space Center

Copyright NASA




Anche se la sua partenza, che era prevista per il prossimo 19 aprile, e' stata rimandata di una decina di giorni, AMS e' pronto sulla rampa di lancio del Kennedy Space Center per lasciare la Terra con l'ultimo volo dello shuttle Endeavour, con destinazione la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Da li' AMS, ''il cacciatore di antimateria'' come e' stato ormai ribattezzato, dara' il via al suo ambizioso e affascinante programma scientifico, cercando di scoprire la materia dietro le porte dell'ignoto. AMS e', infatti, il primo esperimento di Big Science che operera' sulla ISS. E rappresenta un grande motivo d'orgoglio per l'Italia: il nostro Paese ha, infatti, contribuito in modo determinante alla realizzazione di molte delle componenti essenziali dello strumento grazie all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, all'Agenzia Spaziale Italiana e alle PMI nazionali.

Che cos'e' e che cosa indaghera'
AMS (Alpha Magnetic Spectrometer) e' un rivelatore di particelle progettato per essere collocato sulla ISS, l'avamposto dell?uomo nello spazio, che orbita a 400 km di altezza. Il suo compito e' quello di intercettare e identificare con i suoi rivelatori tipi di particelle elementari che non si possono riprodurre sulla Terra con gli acceleratori. Particelle che potrebbero rivelare l'esistenza di antistelle e antigalassie o darci qualche indizio in piu' sulla natura della materia oscura, che dovrebbe costituire circa un quarto di tutto l'Universo. O ancora, particelle composte di materia ultradensa costituita dai quark ''strani'', uno stato della materia ipotizzata da alcuni fisici e i cui frammenti vengono chiamati strangelet. AMS registrera' il passaggio di decine di miliardi di raggi cosmici provenienti dalle profondita' dello spazio, misurandoli prima che si scompongano o si annichiliscano nell'interazione con l'atmosfera del nostro pianeta. Setacciando e analizzando questa enorme quantita' di dati con tecnologie avanzatissime, i ricercatori sperano di trovare tracce preziose di questa materia sconosciuta, di poterla misurare e comprendere, in uno straordinario sforzo scientifico e di conoscenza.

Il ruolo dell'Italia
Un?esplorazione che durera' anni, un'impresa alla quale l'Italia partecipa sia con i suoi ricercatori, sia con i suoi astronauti. AMS nasce dalla collaborazione di 16 Paesi e l'Italia ha un ruolo di primo piano con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e l'Agenzia Spaziale Italiana (ASI). Il responsabile della collaborazione e' il premio Nobel Samuel C.C. Ting, del MIT e del CERN, mentre il vice responsabile e' l'italiano Roberto Battiston, fisico dell'INFN e docente all'Universita' di Perugia. I ricercatori delle Sezioni INFN e dei Dipartimenti di Fisica delle Universita' di Bologna, Perugia, Pisa, Milano Bicocca e Roma La Sapienza hanno progettato e realizzato alcuni tra i principali sistemi di identificazione dei raggi cosmici: il Time of Flight, il Tracciatore al Silicio, lo Star Tracker, il RICH e il Calorimetro Elettromagnetico. Anche le imprese italiane, soprattutto PMI, hanno avuto un ruolo importante nel progetto AMS, lavorando alla costruzione di diversi apparati ad alta tecnologia dell'esperimento. Il nostro Paese e' il primo contributore ad AMS, con circa il 25% del costo totale dell'impresa, valutabile complessivamente intorno al miliardo e mezzo di euro tra investimenti e costo del personale, nel corso di 16 anni.
Ad accompagnare lo strumento nel volo STS-134 dello Shuttle sara' l'astronauta dell'ASI Roberto Vittori, e a riceverlo sulla ISS sara' un altro astronauta italiano, Paolo Nespoli.


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana