GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  08-04-2011: L'INFN DIRIGERA' IL PIU' GRANDE PROGETTO EUROPEO DI FISICA 
 ELENCO COMPLETO 

Copyright INFN L'utilizzo della foto e' gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), coordinera' il grande progetto europeo HadronPhysics3, che ha lo scopo di integrare, su scala europea, le principali infrastrutture di ricerca e le attivita' ad esse collegate per promuoverne un uso e uno sviluppo coordinati per le fisica adronica.
Le organizzazioni che partecipano a HadronPhysics3 formano un consorzio di 49 beneficiari appartenenti a 17 Stati Membri ed Associati. Altre 118 Istituzioni (provenienti da paese come Russia, Cina, India, Giappone e Stati Uniti) partecipano alle attivita' (senza ricevere finanziamenti dalla Commissione Europea (EC)). Complessivamente, il progetto HadronPhysics3 vede coinvolti 2500 ricercatori da 35 Paesi. Il budget complessivo e' di 10 milioni di euro su 3 anni. Il progetto e' stato selezionato all'interno del VII Programma Quadro (FP7) dell'Unione Europea per le Attivita' Integranti.
HadronPhysics3, che ha come project coordinator Carlo Guaraldo dei Laboratori Nazionali di Frascati dell'INFN, e' il più grande progetto scientifico europeo finanziato dalla EC in termini di dimensioni del consorzio e di numero di scienziati coinvolti. E l'INFN e' l'unica istituzione italiana che coordina a livello europeo un progetto delle dimensioni di un'Attivita' Integrante.

Per saperne di più

Attivita' Integranti. Sono attivita' di supporto alle infrastrutture di ricerca. Hanno lo scopo di integrare, su scala europea, le principali infrastrutture di ricerca per promuoverne un uso e uno sviluppo coordinati. Accorpano, in un unico progetto, tre tipologie di attivita': networking, accesso transnazionale, ricerca coordinata. Sono i più potenti strumenti che la Commissione Europea mette a disposizione delle comunita' scientifiche.

Attivita di Networking.
L'obiettivo dei network e' di sviluppare una cultura di cooperazione tra le infrastrutture di ricerca e tra le comunita' scientifiche che vi operano, promuovendo collaborazioni tra esperti e tra teorici e sperimentali. In pratica questo significa sviluppare e mantenere database comuni per l'analisi dei risultati sperimentali; effettuare studi di fattibilita' di nuove strumentazioni metodologiche; formare gruppi di lavoro su tematiche correlate presso diverse infrastrutture; stimolare studi teorici sui problemi più rilevanti e contribuire alla preparazione di nuovi esperimenti; contribuire alla disseminazione della conoscenza derivata dal progetto attraverso pubblicazioni, organizzazione di workshop, etc. Le attivita' di Networking in HadronPhysics3 sono nove e coprono tutte le più importanti tematiche della fisica adronica: dalla struttura del nucleone alle caratteristiche del quark gluon plasma, dalla possibile esistenza di nuovi stati nucleari alle più moderne tecniche di calcolo.
Attivita' di Accesso Transnazionale. Le infrastrutture di ricerca che in HadronPhysics3 offrono accesso transnazionale sono cinque: quattro sono dotate di fasci di elettroni e di adroni (pioni, kaoni, protoni), la quinta e' il Centro Europeo per Studi Teorici in Fisica Nucleare e aree collegate.

Joint Research Activities (JRA): attivita' di ricerca sviluppate in modo coordinato tra diverse organizzazioni. Sono attivita' che la Commissione Europea intende finanziare per il loro carattere innovativo, tali da non essere generalmente supportate dalle agenzie nazionali. In HadronPhysics3 vi sono 14 Joint Research Activities: 8 di innovazione e sviluppo nel campo dei rivelatori di particelle; 3 su nuove tecniche di realizzazione di bersagli sperimentali e di fasci di particelle; 3 su attivita' riguardanti specifici sviluppi sperimentali.

Per informazioni:
Carlo Guaraldo, coordinatore HadronPhysics3, Laboratori di Frascati INFN
Carlo.Guaraldo@lnf.infn.it
Tel: 0694032318


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dellUniverso
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELLINFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: lIstituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELLUNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana