GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  00-00- 0: L'ESPERIMENTO XENON100 E IL GRAN SASSO 
 ELENCO COMPLETO 

in primo piano nel panorama mondiale sulla ricerca della materia oscura

L?esperimento XENON100, in funzione ai Laboratori del Gran Sasso dell?Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) conferma con i suoi nuovi risultati di essere l'apparato pi? sensibile al mondo nella ricerca delle cosiddette WIMP (Weakly Interacting Massive Particles) le particelle principali candidate a costituire la misteriosa "materia oscura".
I nuovi dati, relativi a cento giorni di osservazione, sono stati pubblicamente illustrati oggi ai Laboratori del Gran Sasso da Elena Aprile della Columbia University, fondatrice e leader della collaborazione internazionale che ha dato vita all'esperimento.
''In quei cento giorni ? spiega Elena Aprile ? ci aspettavamo di osservare circa due eventi provenienti dalla radiazione di fondo. Ne abbiamo visti tre, quindi non c'? ancora nessuna evidenza, ma la ricerca continua, e gli ulteriori dati che stiamo gi? prendendo ci porteranno pi? vicini a un'eventuale scoperta. Ma gi? adesso ? continua Elena Aprile ? i risultati ottenuti pongono i vincoli pi? stringenti al mondo, sulle interazioni di tipo "elastico" delle WIMP con la materia ordinaria. E questo grazie alle prestazioni straordinarie del nostro rivelatore, nel quale siamo riusciti a ridurre il fondo radioattivo a livelli senza precedenti''.

La collaborazione XENON si compone di 60 scienziati di 14 istituzioni scientifiche statunitensi, cinesi, francesi, tedesche, israeliane, olandesi, portoghesi e svizzere. Anche ricercatori italiani, dei Laboratori del Gran Sasso, di Bologna e Torino, partecipano all'esperimento.

''In questi giorni gli occhi del mondo scientifico internazionale sono di nuovo puntati sui Laboratori del Gran Sasso dell?INFN ? ha commentato Lucia Votano, direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso ? grazie ai nuovi dati dell?esperimento XENON100. I risultati illustrati durante la riunione del Comitato Scientifico internazionale del Laboratorio non mostrano ancora segnali di evidenza di materia oscura, ma grazie alla straordinaria sensibilit? dell?esperimento restringono moltissimo la ??zona di caccia?? delle cosiddette WIMP, le particelle pi? accreditate a costituire la materia oscura. La ricerca proseguir? e la Collaborazione XENON ha gi? presentato al Gran Sasso la proposta di un apparato molto pi? sensibile. Ancora una volta, il Laboratorio del Gran Sasso dell?INFN si conferma come luogo di eccellenza internazionale per la fisica astroparticellare''.

Per saperne di pi?:

XENON100. In funzione dall?ottobre 2009, l?esperimento utilizza circa 160 chilogrammi di gas Xenon liquido, alla temperatura di 90 gradi sotto lo zero. Rivelatori di luce sensibilissimi (chiamati fotomoltiplicatori), immersi nel gas liquefatto, sono in grado di rivelare anche i minimi segnali di luce derivanti dai deboli urti delle particelle di materia oscura con i nuclei di Xenon. Con una tecnica particolare ? possibile distinguere questi segnali da altri causati dalla radioattivit? ambientale. Proprio per ridurre al minimo questa fonte di "rumore", XENON100 si trova? nei laboratori INFN, al di sotto dei 1400 metri di roccia di Monte Aquila, nel Parco Nazionale del Gran Sasso. Questo strato di roccia consente di ridurre, assorbendolo, il flusso della radiazione cosmica di un milione di volte. Tuttavia, ci? non ? ancora sufficiente per raggiungere la sensibilit? richiesta da un esperimento di questo tipo. XENON100 ? pertanto ulteriormente schermato da strati di piombo, polietilene e rame, e tutti i materiali scelti per la sua costruzione sono stati accuratamente selezionati per minimizzarne la radioattivit?.

Le WIMP e la Materia Oscura
Come noto da anni, osservazioni di carattere cosmologico provenienti da varie fonti, indicano che la materia ordinaria costituisce solamente il 17% della massa dell'Universo. L?83% di tutta la materia presente nel Cosmo sarebbe invece composto da una forma nuova e ancora non osservata di materia, la cosiddetta materia oscura. Una possibile spiegazione, favorita anche da plausibili estensioni dell'attuale 'modello standard' delle particelle elementari, ? che la materia oscura sia costituita da particelle, le WIMP (Weakly Interacting Massive Particles, in italiano ?particelle massive debolmente interagenti?), distribuite in un enorme alone che avvolge la nostra galassia. L?informazione mancante per confermare l?attuale immagine del Cosmo ? attesa proprio dalla rivelazione diretta di queste particelle. Il vento di particelle WIMP dovuto al movimento della Terra nell?alone galattico di materia oscura, pu? occasionalmente colpire i nuclei di Xenon del rivelatore, depositando cos? una piccola quantit? di energia che pu? essere rivelata con i dispositivi ultrasensibili di cui l?esperimento ? dotato.

Il Laboratorio del Gran Sasso, dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare costituisce la struttura pi? importante al mondo per condurre esperimenti di fisica delle particelle in ambiente sotterraneo. In particolare, ospita 4 tra i pi? importanti rivelatori dedicati alla ricerca della materia oscura. Oltre a XENON, sono presenti gli esperimenti CRESST, DAMA e WARP.


CONTATTI

Prof. Elena Aprile, spokesperson della Collaborazione XENON, Columbia University di New York, age@astro.columbia.edu Tel. +39 349 4703313

Dott. Francesco Arneodo, INFN Laboratori Nazionali del Gran Sasso, francesco.arneodo@lngs.infn.it, 329 8312299

Prof. Gabriella Sartorelli, Universit? di Bologna, gabriella.sartorelli@unibo.it 3470824410

Dott. Walter Fulgione, INFN Torino, walter.fulgione@to.infn.it, tel. 3496722094



Ufficio stampa INFN
Romeo Bassoli, Francesca Scianitti
romeo.bassoli@presid.infn.it, francesca.scianitti@presid.infn.it
06 6868162, 328 6666766, 347 4600445


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: č l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana