GENERALE
CHI SIAMO
ORGANIZZAZIONE
PRESIDENZA
UFFICIO COMUNICAZIONE
AMMINISTRAZIONE
CENTRALE
ELENCO TELEFONICO
OPPORTUNITÀ DI LAVORO
 ATTIVITÀ
FISICA PARTICELLARE
ASTROPARTICELLARE
FISICA NUCLEARE
FISICA TEORICA
RICERCA TECNOLOGICA
ESPERIMENTI
PUBBLICAZIONI INFN
TESI INFN
 SERVIZI
PORTALE INFN
AGENDA INFN
EDUCATIONAL
WEBCAST
MULTIMEDIA
EU FP7
 

Trasparenza valutazione e merito  

DataWeb Support ticket  -  e-mail  

 

  13-05-2011: IL CENTRO DI CALCOLO ITALIANO UNICO A RESISTERE AL SUPERLAVORO DI LHC 
 ELENCO COMPLETO 

Copyright INFN L'utilizzo della foto e' gratuito previa autorizzazione dell'Ufficio Comunicazione INFN




Un successo della ricerca italiana nella grande impresa scientifica dell'acceleratore di particelle LHC di Ginevra: il CNAF di Bologna, il centro di supercalcolo dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) è stato l'unico (su sette investiti del compito in diverse parti del mondo) a far fronte con successo ad una imprevista condizione di sovraccarico che si è verificata nei giorni scorsi. E quindi è stato in grado di portare a termine senza rallentamenti o blocchi la missione di realizzare la simulazione di miliardi di scontri di particelle. Simulazione indispensabile per distinguere gli eventi interessanti da quelli che non lo sono in una macchina come LHC che sta frantumando un record dietro l'altro nelle performance scientifiche.
E' proprio la grande, imprevista corsa di LHC infatti a portare i centri di calcolo a un punto critico. Attualmente la macchina è in grado di far scontrare pacchetti di 1.700 miliardi di protoni l'uno con una enorme quantità di eventi: il solo esperimento CMS, ad esempio, ne ha raccolti in questi primi cinque mesi già dieci volte tanti quelli raccolti nell'intero 2010. Insomma, una grande attività che però genera un fenomeno chiamato pile-up. In sostanza, un ''rumore di fondo'' crescente che va eliminato per distinguere con chiarezza un evento da un altro. Per eliminare il pile-up bisogna simularlo in modo efficace e questo implica enormi capacità di calcolo per la rete di centri di elaborazione dati su cui si appoggiano gli esperimenti di LHC. Il problema è stato affrontato in particolare dall'esperimento CMS che ha a disposizione 7 di questi centri chiamati Tier-1. Quando questi però sono stati ''investiti'' da un'attività particolarmente impegnativa legata alla necessità di elaborare miliardi di simulazioni, pur essendo strutture di altissimo livello, hanno avuto difficoltà anche notevoli, che andavano da forti rallentamenti al ''crash'' del sistema. Solo il CNAF, il centro di calcolo dell'INFN di Bologna, ha retto l'urto e ha portato a termine il suo compito, tanto che in sette giorni ha prodotto da solo la grande maggioranza dei 150 milioni di eventi simulati dai 7 Tier-1.
''Ciò dimostra come il CNAF fosse ben preparato e il suo personale motivato a raccogliere e vincere la sfida della più grande macchina scientifica esistente al mondo: il Large Hadron Collider''commenta Umberto Dosselli vicepresidente dell'INFN.
"Gli esperimenti di LHC mettono a dura prova soprattutto i sistemi di accesso ai dati.  Al CNAF, anche a seguito di sviluppi originali portati a termine negli anni scorsi, tali sistemi si sono dimostrati particolarmente
robusti e performanti'' spiega Mauro Morandin direttore del CNAF.
''Si tratta del successo di un lavoro di squadra che coinvolge i team del CNAF, le operazioni di calcolo di CMS e la buona collaborazione con gli altri esperimenti al CNAF, primo tra tutti ATLAS'' afferma ha commentato Daniele Bonacorsi, project manager di CMS Computing.


CONTATTI

Mauro Morandin
Direttore Cnaf
051 6092761
mauro.morandin@cnaf.it

Ufficio stampa INFN
Eleonora Cossi
eleonora.cossi@presid.infn.it
06 6868162


 SITI COLLEGATI ALLA NOTIZIA 

 COMUNICATI RECENTI 
10-07-2012: Tagli alla ricerca previsti dalla spending review
27-06-2012: Un sera con i misteri dell’Universo
08-06-2012: I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
08-06-2012: I neutrini dal CERN al Gran Sasso confermano il limite della velocita' della luce
07-06-2012: IL CENTRO DI CALCOLO DELL’INFN PREMIATO PER IL SUO IMPEGNO NEL MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA ENERGETICA
06-06-2012: Opera osserva il secondo neutrino Tau
04-06-2012: Il professor Maurizio Cumo nel Direttivo dell'Infn
24-05-2012: Domenica 27 maggio, Open Day ai Laboratori INFN del Gran Sasso
23-05-2012: Siglato accordo di un progetto europeo per la realizzazione di un centro per la cura oncologica
22-05-2012: Ricerche su neutrini e materia oscura, formazione dei giovani, acceleratori di particelle: è l’Istituto virtuale INFN-IHEP di Pechino

[Back]

 

Ufficio Comunicazione Infn - Piazza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma
Tel: 06 68 68 162 - Fax: 06 68 307 944 - email: comunicazione@presid.infn.it

F.M . F.E.

 

 

 

 

 CONFERENZE
11-12-2017
TRANSVERSITY 2017
13-12-2017
SM&FT 2017 : THE XVII WORKSHOP ON STATISTICAL MECHANICS AND NONPERTURBATIVE FIELD THEORY
 RASSEGNA
STAMPA
VIDEO
 COMUNICATI STAMPA
10-07-2012
TAGLI ALLA RICERCA PREVISTI DALLA SPENDING REVIEW
27-06-2012
UN SERA CON I MISTERI DELL’UNIVERSO
08-06-2012
I LABORATORI DI LEGNARO DELL'INFN COMPIONO 50 ANNI
Ricerca Italiana