<< Torna alla home page
L'inserimento della tesi può essere fatto dall'autore stesso, da un responsabile d'esperimento o dalle segreterie scientifiche
Per qualsiasi problema di natura tecnica scrivere a Supporto Web INFN

NEW: E' assolutamente vietato inserire il nome del relatore al posto del tesista per "bypassare" l'inserimento in anagrafica. Le tesi così formate saranno ritenute invalide ed eliminate dal sistema

Il tesista dev'essere presente nel database dell'anagrafica centralizzata (GODiVA)
Cercare il tesista per cognome, cliccando sul pulsante apposito, ed eventualmente inserirlo tramite il link proposto. Sono richieste le informazioni fondamentali di anagrafica e tipo/numero di documento di riconoscimento
Ultimo aggiornamento 6 dic 2017
Autore
Bruno Turati
Sesso M
Esperimento FLAG
Tipo Laurea Triennale
Destinazione dopo il cons. del titolo Laurea Secondo Livello (Italia)
Università Universita' Di Bologna
Strutt.INFN/Ente
Bologna
Titolo Redshift gravitazionale, aspetti teorici e sperimentali
Abstract Nella presente tesi si trattano gli aspetti teorici e sperimentali del Redshift Gravitazionale. Il primo passo `e una breve introduzione alla teoria di Ein- stein, che inquadra il contesto nel quale si lavorera`. Nella parte teorica si forniscono due metodi per ricavare il Redshift gravitazionale, si introducono leffetto Doppler relativistico e il problema di Keplero in Relativit`a Generale, concludendo con la quantificazione del Redshift e con unapplicazione spe- culativa ai buchi neri. Nella parte sperimentale si presenta lesperimento di Pound e Rebka, passando poi allo studio delle Nane Bianche e alla determi- nazione mediante il Redshift del rapporto tra massa e raggio di questi corpi celesti, introducendo inoltre la problematica del disturbo dovuto alleffetto doppler e due metodologie per eliminarlo, una dinamica e una statistica.
Anno iscrizione 2013
Data conseguimento 1 dic 2017
Luogo conseguimento Bologna
Relatore/i
Roberto Casadio   
File PDF
File PS